fbpx
Home Ambiente e Protezione Civile Scandalo ASL Brescia, il Consiglio elude mozione di M5S, politica incapace di tutelare i cittadini

Scandalo ASL Brescia, il Consiglio elude mozione di M5S, politica incapace di tutelare i cittadini

0
0

Da notizie di stampa apparse in questi giorni, abbiamo appreso che: “La Procura di Brescia ha iscritto nel registro degli indagati i vertici dell’Asl di Brescia e i rappresentanti legali di 24 associazioni di volontariato che si occupano del trasporto in ambulanza di pazienti sottoposti a dialisi. Carmelo Scarcella e Francesco Vassallo, direttore generale e direttore sanitario dell’Asl di Brescia, devono rispondere di abuso d’ufficio, mentre i rappresentanti dell’associazioni sono accusati di truffa aggravata e falso documentale”.  Il M5S Lombardia ha presentato oggi una mozione urgente al Consiglio regionale di oggi, che a larga maggioranza ha rifiutato la discussione, per chiedere di sollevare “dall’incarico  il Direttore Generale Carmelo Scarcella e il Direttore Sanitario Francesco Vassallo”.

“L’ennesimo caso che scuote la sanità non vuole essere affrontato da Lega, Ncd, Forza Italia e PD che scegliendo di non discutere la nostra mozione hanno voluto, ancora una volta, mettere la testa sotto la sabbia”, spiega Giampietro Maccabiani, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Lombardia.

“In attesa che l’inchiesta faccia il suo corso, il Consiglio regionale aveva il dovere etico di esprimersi e di tutelare i cittadini bresciani. Non si vogliono prendere provvedimenti verso una dirigenza che ha già gravi responsabilità verso i cittadini bresciani, vedi ad esempio la mancanza di azione e di presa di posizione verso un disastro ambientale senza precedenti come l’inquinamento da PCB e diossine causato dalla Caffaro, conclude Maccabiani.

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali