Home Ambiente e Protezione Civile Illuminazione e risparmio energetico: una legge buona che va applicata senza indugi
Illuminazione e risparmio energetico: una legge buona che va applicata senza indugi

Illuminazione e risparmio energetico: una legge buona che va applicata senza indugi

0
0

ill_Risparmio-energetico

“La legge 257 approvata oggi in Consiglio Regionale sull’illuminazione esterna, il risparmio energetico e il contrasto all’inquinamento luminoso è positiva nel suo complesso. Saranno i Comuni, e non le società che gestiscono il servizio a conoscere direttamente e analiticamente lo stato della propria rete di pubblica illuminazione, i consumi energetici e i costi di manutenzione di un sistema che non può essere più, su ogni singolo palo, solo illuminazione ma anche servizi integrati inquadrabili nel concetto di smart city. In questo modo si potrà fare buona progettazione di impianti pubblici di illuminazione efficienti e pochi inquinanti”, così Gianmarco Corbetta, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle della Lombardia.

“E’ un progetto di legge che impone di pianificare, nel dettaglio per ogni realtà territoriale,  l’efficientamento energetico, di ridurre l’inquinamento luminoso e orienta il pubblico nel perseguire l‘acquisizione della proprietà degli impianti, anche con la possibilità del riscatto. Bisogna evitare altri casi come Milano dove l’illuminazione led è arrivata senza una progettazione coerente. Certo una buona legge non basta: occorre sempre controllarne l’applicazione. Dietro ogni appalto o esecuzione di progetto è sempre presente il rischio di favorire le grandi realtà imprenditoriali poco interessate ed attente all’interesse pubblico”, conclude Corbetta.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali