Home Diritti e pari opportunità Gender, “basta cazzate” necessario proteggere i nostri figli da panzane dei partiti
Gender, “basta cazzate” necessario proteggere i nostri figli da panzane dei partiti

Gender, “basta cazzate” necessario proteggere i nostri figli da panzane dei partiti

0
0

Il M5S Lombardia ha votato contro la mozione della Lega Nord sulle fantomatiche teorie del gender e il loro insegnamento nelle scuole lombarde.

Paola Macchi, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle della Lombardia, dichiara: “In Consiglio regionale la Lega Nord sta perdendo tempo a spese dei lombardi. Si insiste nel parlare di una teoria inesistente: non  ha teorici di riferimento né un supporto bibliografico utile se non scritto da coloro che la contestano. La teoria gender è un’enorme montatura utile a fare terrorismo psicologico che confonde elementi come il rapporto tra sessi, la pianificazione familiare, l’educazione sessuale a scuole e le nuove famiglie lgbt che meritano diritti. E’ un minestrone assurdo e se vogliamo davvero proteggere i nostri figli dovremmo proteggerli dalle panzane dei politici e dalle falsificazioni del dibattito pubblico. L’educazione sessuale e l’educazione all’accettazione di ogni diversità a scuola oltre che utile è fondamentale per costruire una convivenza civile”.

Iolanda Nanni, consigliere M5S Lombardia, ha chiesto il voto segreto e attaccato duramente la maggioranza: “Sono indignata, invece di parlare di case popolari, di sfrattati, di trasporti pubblici allo sfascio e di trasparenza noi siamo qui a parlare di cazzate. Siete degli agenti di disinformazione di massa. Il vostro delirio ideologico, la vostra bieca propaganda fondata sulla paura, è solo ostacolo alle politiche di parità di genere e vi serve per continuare a discriminare chi ha un orientamento diverso dal vostro”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali