Dario Violi Lavoro, istruzione e formazione Notizie

La Regione abbandona i lavoratori di Italcementi

Schermata 2015-11-03 alle 10.45.56 1Maroni ha deciso definitivamente di lavarsene le mani e ha mandato il sottosegretario Alessandro Fermi a rispondere questa mattina in aula alla mia interrogazione sul caso dell’acquisizione del Gruppo Italcementi e sul futuro occupazionale dei lavoratori coinvolti. Un problema del nostro territorio per il quale mi sono attivato per dare ai lavoratori un quadro chiaro sul loro futuro e per poter intervenire come istituzione per tutelare le professionalità presenti e lo sviluppo economico. Non stavo chiedendo la luna, ma una cosa logica. Chiedevo al Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, che in campagna elettorale prometteva soluzioni alla disoccupazione, di interessarsi con urgenza alla vicenda, di incontrare i lavoratori e fare tutto il possibile per salvaguardare i posti di lavoro.

E’ da  più di un mese che in tanti aspettiamo risposte dalla Regione, noi del M5S, l’unica forza politica che in consiglio regionale sta pressando la giunta per intervenire con decisione in difesa dei lavoratori e delle loro famiglie, e i sindacati, e questa mattina abbiamo chiesto conto alla regione della sua latitanza e di attivarsi per incontrare imprese e lavoratori e facilitare eventuali investimenti sul territorio da parte dell’acquirente.

Ma la risposta del sottosegretario Fermi mi ha lasciato basito! Il sottosegretario non aggiunge nulla di nuovo alla cronistoria che già gli avevamo fornito e non ha risposto alle mie domande. Di fronte al rischio di perdita di migliaia di posti di lavoro la Regione Lombardia se ne lava le mani rimbalzando le responsabilità  a sindacati e al il Ministero dello Sviluppo Economico. E’ vergognoso che Maroni e gli assessorati alle attività produttive e al lavoro non ritengano di intervenire in maniera decisa in una situazione così drammatica per migliaia di famiglie lombarde. Questi politici sono capaci solo di grandi promesse di lavoro in campagna elettorale che non si traducono mai in risposte ai bisogni concreti del territorio. Di certo io non mi fermo qua, finché non ci saranno risposte e la regione non si muoverà a fianco dei lavoratori continuerò a fare pressione. Lavoratori e lavoratrici lombarde meritano una risposta!

Dario Violi – Consigliere Regionale del M5S Lombardia

italcementi post

Articoli Correlati

Flash-Mob: “I giovani” non si fanno più fregare. Una canzone-denuncia contro il precariato

Carolina Russo De Cerame

Regionali: Non sorprendono i sogni di Azione su Moratti, il PD chiarisca se sta coi progressisti o con il surrogato del centrodestra

Caro bollette: «Via addebito bancario, rateizzazione automatica, l’extra costo a carico di chi fa extra profitti. Chi ha svenduto i servizi pubblici ora ci metta la faccia»

Redazione Staff