Dario Violi Paola Macchi Sanità e Politiche Sociali

Manager sanità ripescati: svelato bluff di Maroni, sanità ferma all’era formigoniana

“Doveva essere la rivoluzione della sanità lombarda che avrebbe ridotto la lottizzazione politica dei nostri ospedali e premiato il merito, invece è stato solo un grande bluff. Maroni l’illusionista non solo è riuscito nell’impresa di inserire il 99% di nuovi manager riconducibili ai partiti che compongono la maggioranza con un quiz farsa, ma, a riflettori spenti, ha fatto rientrare dalla finestra i bocciati eccellenti con lo stesso stipendio e meno responsabilità. Altro che cambiamento! La sanità in Lombardia è ferma all’era di Formigoni e dei partiti, e a farne le spese saranno ancora una volta i servizi ai cittadini e le casse pubbliche” – così Dario Violi e Paola Macchi, consiglieri M5S della commissione sanità al Pirellone.

sanità

 

 

Articoli Correlati

BERTOLASO CONTRO REPORT

Redazione Staff

Liste d’attesa, Mammì: «Il rispetto dei tempi d’attesa non può essere un regalo di Natale»

Redazione Staff

Degli Angeli: «All’ospedale di Lodi mancano garze e medicinali, sono gli effetti della (non)riforma Moratti-Fontana»