Home Ambiente e Protezione Civile Inquinamento fiume Olona, è un’agonia. Necessari interventi mirati
Inquinamento fiume Olona, è un’agonia. Necessari interventi mirati

Inquinamento fiume Olona, è un’agonia. Necessari interventi mirati

0
1

olona-1Una schiuma densa copre, in questi giorni le acque del Fiume Olona. La Regione Lombardia sostiene che attraverso la Commissione Ambiente ha lavorato con impegno per risolvere i problemi storici dell’inquinamento del fiume Olona.

Paola Macchi, consigliere regionale del M5S Lombardia, commenta: “Evidentemente,,  nonostante le molte promesse e le parole rassicuranti del presidente Marsico,  Regione Lombardia non sta facendo abbastanza. L’inquinamento dell’Olona persiste e dall’ultima analisi delle acque risulta una stato ecologico fortemente compromesso. La schiuma è solo l’ultimo episodio di un’agonia continuamente segnalata da cittadini e associazioni che dura da anni. L’assessore all’ambiente Terzi dichiarava un anno fa  che stanno approntando un quadro conoscitivo il più possibile completo in collaborazione con i comuni per avere informazioni aggiornate su scarichi industriali e diretti, acque parassite e sfioratori. Il quadro,  dopo un anno,  dovrebbe essere completo,  se i Comuni hanno fatto avere alle regione i dati. Ma sappiamo che gli studi non bastano, sono solo propedeutici a interventi concreti. Non solo i cittadini devono sentire miasmi,  vedere schiume e avere un  fiume inquinatissimo ma potrebbero subire anche le ricadute di una possibile sanzione conseguente ad una procedura di infrazione della Comunità Europea per la violazione della Direttiva Acque. Se la qualità delle acque non raggiungerà gli standard richiesti entro il 2021 e il Governo italiano verrà sanzionato si  rivarrà su regione e comuni, se mancassero ancora dati,  il motivo che viene sempre portato per giustificare interventi mirati per il risanamento delle acque dell’Olona, auspichiamo che l’assessore Terzi prenda posizione per fare in modo che tutti i comuni interessati forniscano i dati richiesti entro una data fissata per poter procedere al più presto con interventi concreti e mirati”.

(foto: Giornalettismo, 2013)

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali