Home Diritti e pari opportunità Legge regionale casa: le richieste del M5S
Legge regionale casa: le richieste del M5S

Legge regionale casa: le richieste del M5S

0
0

Oltre ai risultati già ottenuti dal M5S ed integrati nel progetto di legge, come ad esempio l’abbattimento di 15 punti percentuali (dal 20% al 5%) del tasso di vendita degli alloggi popolari, il divieto di mobilità forzosa per anziani e disabili, l’estensione delle agevolazioni alle unioni civili, la pubblicizzazione delle attività dei Fondi Immobiliari, la priorità per la riqualifica degli alloggi invenduti e inutilizzati rispetto alle nuove costruzioni, l’istituzione del Registro dell’Invenduto, oggi in Aula chiediamo l’istituzione di una banca dati regionale sulla morosità colpevole e incolpevole.

Per poter attivare efficaci politiche di prevenzione e contenimento della morosità è necessario mappare il fenomeno con periodicità in modo da avere un quadro chiaro della situazione. I tassi di morosità derivanti sia dal mancato pagamento dei canoni, che dalle spese, sono allarmanti per ALER Milano e Lodi, prossimi al 30%, ed in netto aumento per ALER Brescia dove raggiungono la soglia del 25%. E’ aumentato anche il peso della morosità consolidata e manca un monitoraggio sull’anzianità dei crediti. Inoltre, chiediamo a Regione di aumentare le risorse per la rimozione dell’amianto dal patrimonio pubblico abitativo che non è ancora stata completata. Per incentivare la coesione sociale e prevenire i conflitti nonché azioni di microcriminalità e occupazioni abusive nel contesto degradato di molti quartieri ALER, chiediamo a Regione Lombardia di promuovere, all’interno dei quartieri ALER, progetti sperimentali a costo zero di forme di “sorveglianza partecipata” attraverso il coinvolgimento diretto dell’inquilinato e con la sinergia delle forze dell’ordine”.

Iolanda Nanni, consigliere regionale M5S Lombardia

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali