Diritti e pari opportunità Iolanda Nanni Notizie Territorio, trasporti e infrastrutture

Sciopero Trenord. M5S segnala all’Autorità Garante il mancato rispetto delle fasce di garanzia

A seguito dello sciopero nazionale del trasporto ferroviario tenutosi il 23 e 24 giugno 2016, il M5S ha ricevuto numerose segnalazioni dai pendolari lombardi che lamentavano la soppressione di alcuni treni che risultavano appartenenti alle fasce di garanzia. Iolanda Nanni, consigliere regionale M5S, da sempre in prima linea per la tutela dei diritti dei pendolari dichiara: “Abbiamo deciso di attivarci presso l’Autorità Garante per gli scioperi a fronte delle numerose segnalazioni ricevute dai pendolari. Ad esempio, molti pendolari pavesi, durante lo sciopero, si sono visti sopprimere treni garantiti sia sulla direttrice Stradella-Milano, dove sono stati soppressi i treni delle 18:46, 19:46 e 20:46, sia sulla Mortara-Milano il treno da Milano Porta Genova delle 20:42, segnalati come treni garantiti. A questo punto, dopo aver raccolto tutte le segnalazioni, abbiamo inviato una lettera all’Autorità Garante degli Scioperi, chiedendo di attivarsi per avviare i procedimenti e gli approfondimenti necessari al fine di emanare gli opportuni provvedimenti sanzionatori all’operatore Trenord per la violazione delle regole vigenti sullo sciopero e sui diritti dell’utenza del trasporto ferroviario.”Trenord, purtroppo, non è nuova a questo tipo di violazioni, infatti fu multata dall’Autorità Garante per l’importo di 10.000 euro già nel 2012 quando, in qualità di portavoce del Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi, avevo trasmesso l’elenco dei treni garantiti che Trenord aveva soppresso durante uno sciopero. Queste violazioni devono essere individuate e sanzionate: anche Regione Lombardia, nella stipula del Contratto di Servizio con Trenord, dovrebbe farsi parte attiva affinché sia previsto, in caso di infrazione, un risarcimento diretto all’utenza pendolare che non solo subisce disagi enormi ogni qual volta viene proclamato uno sciopero, ma che vede sopprimere anche quei treni che dovrebbero essere garantiti”.

Iolanda Nanni – Portavoce Regionale del M5S Lombardia

Articoli Correlati

Simone Verni: «Regione Lombardia chiude la porta a 30mila pendolari. Noi subito disponibili a tavolo di confronto»

Carolina Russo De Cerame

Caro bollette: «Via addebito bancario, rateizzazione automatica, l’extra costo a carico di chi fa extra profitti. Chi ha svenduto i servizi pubblici ora ci metta la faccia»

Redazione Staff

Olimpiadi, Violi: «In merito ai ritardi le parole di Fontana sono surreali»

Redazione Staff