Home Diritti e pari opportunità Genitori separati, no iniziative spot. Lavorare sull’esclusione con misure strutturali
Genitori separati, no iniziative spot. Lavorare sull’esclusione con misure strutturali

Genitori separati, no iniziative spot. Lavorare sull’esclusione con misure strutturali

0
3

Per il sostegno dei genitori separati sono necessarie misure strutturali e non spot o spiccioli messi a disposizione dalla Regione Lombardia, che ha lanciato due bandi regionali che prevedono uno sconto del 30% sul canone d’affitto e incentivi per la ristrutturazione degli immobili segnati dal tempoIl problema è che la Giunta si è limitata a rivedere i criteri di assegnazione di risorse già impegnate. Al contrario, è necessario lavorare seriamente sull’esclusione. Negli ultimi anni si sta creando un divario preoccupante tra il genitore a cui viene affidato il figlio, che nella maggior parte dei casi è la madre, a cui rimane la casa coniugale, e il coniuge che deve lasciare l’abitazione e si trova impreparato ad affrontare questa situazione con tutte le conseguenze economiche, sociali e personali che ne derivano. Si deve strutturare una misura diretta e che abbia effetti immediati nel sostegno di queste persone in difficoltà. Non ci sembra che offrire fondi per il recupero o la riqualificazione energetica di stabili da adibire ad alloggio per padri separati sia risolutivo. Centinaia di alloggi ALER, attendono di essere riqualificati ed affidati a padri separati in difficoltà.

Monica Forte e Nicola Di Marco – Consiglieri Regionali M5S Lombardia

Fonte foto: LaStampa.it

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali