Milano Nicola Di Marco Notizie Territorio, trasporti e infrastrutture

Gravi disservizi sulle linee ferroviarie del Sud Milano, il M5S porta il caso in Consiglio

Con una interrogazione rivolta ad Attilio Fontana, il consigliere regionale del M5S Lombardia Nicola Di Marco porta il caso dei gravi disservizi sulle linee ferroviarie dell’area Sud di Milano. L’interrogazione chiede di spiegare le cause dei continui ritardi e soppressioni sulle linee S1, S12 e S13 e “si intendano intraprendere nei confronti del gestore del servizio (TRENORD) per porre fine ai costanti disservizi che interessano le tre linee e migliorare in modo radicale le condizioni di viaggio degli utenti riducendo soppressioni e ritardi”.

“I sindaci ed i comitati denunciano da anni il ripetersi quotidiano di ritardi, soppressioni di corse, sovraffollamento e carenza di segnalazioni tempestive all’utenza sulle linee S1, S12 ed S13 e chiedono interventi migliorativi immediati. Hanno tutto il nostro supporto: gli interessi dei cittadini devono tornare al centro delle logiche del trasporto pubblico regionale. L’elevata frequenza con cui si registrano i disservizi pregiudica l’affidabilità della linea, la qualità dei viaggi e l’attrattività del servizio ferroviario come modalità alternativa ai mezzi privati e vanifica le potenzialità del cadenziamento orario. Regione Lombardia deve spiegare ai pendolari se vuole, o meno, ripristinare la regolarità e l’efficienza del servizio ferroviario regionale e quali azioni vuole intraprendere nei confronti di Trenord per finirla con i disservizi e i ritardi. Il trasporto sulle tre linee e le condizioni di viaggio devono migliorare in modo radicale”.

Nicola Di Marco – Consigliere Regionale M5S Lombardia

Articoli Correlati

Riforma Parco Agricolo Sud Milano: firma anche tu per fermare lo scippo del centrodestra lombardo

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame

Di Marco: «Il Superbonus 110% traina la ripresa in Lombardia con 21 mila cantieri e 4 miliardi di investimenti»