Antimafia Monica Forte

Chiusi locali per rapporti con mafie: revoca della licenza, strumento da estendere a tutti i comuni lombardi 

La revoca della licenza ai locali i cui proprietari, soci o gestori risultino legati alle cosche è uno strumento introdotto dal nuovo codice antimafia di enorme valore nella lotta alla criminalità organizzata perché interrompe immediatamente i flussi di denaro. Al momento solo la Prefettura di Milano, a cui va il sostegno e il plauso della Commissione regionale Antimafia, sta revocando licenze, come nel caso di tre locali della movida chiusi negli ultimi dieci giorni.

Intendiamo impegnare la Giunta regionale perché lo strumento della revoca delle licenze, sia usato in tutti i comuni lombardi perché le mafie stanno investendo moltissimo in Lombardia nelle attività di ristorazione o legate alla movida.

Serve anche un passo ulteriore in fase preventiva e stiamo studiando la fattibilità di un protocollo d’intesa tra Comuni, DIA, Questure e le forze dell’Ordine per verificare, prima del rilascio delle licenze che i richiedenti non abbiano  eventuali legami, parentele o vicinanze ai clan. Le mafie si battono agendo d’anticipo.

Monica Forte – Presidente della Commissione Antimafia e consigliera regionale del M5S Lombardia

Foto: Corriere.it

Articoli Correlati

‘Ndrangheta, decine di arresti a Como. Erba: «Serve un tavolo di confronto provinciale. La battaglia per la legalità va combattuta ogni giorno»

Carolina Russo De Cerame

Commissione Antimafia: terzo anno di attività

Smantellata banda di nazi-fascisti: manca attenzione nelle scuole