Marco Fumagalli Notizie Territorio, trasporti e infrastrutture

Caro Fontana, mandiamo in pensione il casello di Agrate o ti rimangi la promessa?

Caro Fontana, mandiamo in pensione il casello di Agrate o ti rimangi la promessa che hai fatto ai cittadini in campagna elettorale?

Il casello di Agrate della tangenziale est è una vera ingiustizia per tutti i cittadini che vivono a nord della barriera e che ogni giorno usano la tangenziale per recarsi al lavoro a Milano, mentre da Carugate in poi i cittadini possono prenderla gratuitamente. Una disparità di trattamento senza giustificazioni che pesa, e non poco, anche sul portafoglio. Quattro euro al giorno, due all’andata e due al ritorno, per un totale di 100 euro al mese1000 euro l’anno, che si aggiungono al costo già considerevole per la benzina. Questo non è un pedaggio, è una scure che ogni mattina si abbatte sui lavoratori brianzoli del vimercatese e del lecchese. E la questione non è solo economica ma anche ambientale,  perché tantissime sono le persone che per evitare il salasso escono dalla tangenziale prima del casello e rientrano alla prima entrata dopo il casello, andando a intasare lo svincolo di Carugate all’altezza di un polo commerciale che comprende il Carosello, Ikea e Leroy Marlein già fortemente saturo di traffico veicolare.

Questo “casello della vergogna”, così come è stato ribattezzato dai brianzoli, fa soltanto danni e ai cittadini appare un bancomat con cui la società che la gestisce si arricchisce sulla pelle dei lavoratori. Ora questa situazione deve finire. La politica deve e può intervenire, anche perché, Regione Lombardia partecipa indirettamente attraverso Asam Spa con il 52,902% alla società Milano Serravalle – Milano Tangenziali Spa che gestisce il tratto autostradale. La stessa società che è azionista di maggioranza di Pedemontana Spa, società in perdita costante che, ultimo dato disponibile del 2016, ha un deficit di quasi 8 milioni di euro. In attesa dei dati sulla gestione 2017 il dubbio che ai brianzoli vengano fatte pagare le perdite di pedemontana è forte. Sarebbe davvero un beffa per i cittadini, che da anni chiedono opere utili e sostenibili come il prolungamento della metropolitana M2 a Vimercate, e a cui le istituzioni rispondono con opere impattanti per l’ambiente e per i bilanci come Pedemontana.

Oggi, alla vigilia delle sedute di bilancio che arrivano in aula la prossima settimana, abbiamo l’opportunità di mandare in pensione questo casello che complica la vita a tanti cittadini dal 1975. Il Movimento 5 Stelle presenterà infatti un ordine del giorno che chiede a Regione Lombardia di dare le opportune indicazioni a Serravalle Spa per ridurre il proprio utile a vantaggio della rimozione del casello di Agrate. 

Il presidente Fontana in campagna elettorale ha partecipato alla manifestazione dei sindaci al casello dopo l’ennesimo aumento del pedaggio e ha dichiarato di “abbattere il casello di Agrate” in caso di sua elezione. Ora il tempo delle chiacchiere è finito, e se il governatore lombardo non convergerà sulla nostra ragionevole proposta vorrà dire che sarà complice di questo prelievo forzato ai danni dei suoi cittadini.

Articoli Correlati

Da Regione No al rimborso abbonamenti Trenord per il mese di luglio. Di Marco: “Pendolari beffati dopo i disastri delle ultime settimane”

Riforma Parco Agricolo Sud Milano: firma anche tu per fermare lo scippo del centrodestra lombardo

Di Marco: «Il Superbonus 110% traina la ripresa in Lombardia con 21 mila cantieri e 4 miliardi di investimenti»