Home Aler BILANCIO. Bocciato anche l’odg M5S per la riqualificazione del patrimonio ALER
BILANCIO. Bocciato anche l’odg M5S per la riqualificazione del patrimonio ALER

BILANCIO. Bocciato anche l’odg M5S per la riqualificazione del patrimonio ALER

0
3

A fronte delle enormi problematiche nella manutenzione del patrimonio Aler, con oltre 4.000 alloggi sfitti in Regione Lombardia perché in condizioni manutentive così gravi da non poter essere assegnati, il M5S, con un ordine del giorno a prima firma del Consigliere regionale Nicola Di Marco, ha proposto di incentivare forme virtuose di interventi sociali, tramite un maggiore coinvolgimento di Fondazioni, aziende ed Associazioni nell’opera di riqualificazione e recupero del patrimonio abitativo pubblico. In Consiglio regionale, la maggioranza di centrodestra ha bocciato la proposta.

Nel merito, il Consigliere Di Marco dichiara: “La nostra era una proposta a costo zero: non chiedevamo finanziamenti ad ALER o per altri Enti, bensì di promuovere un modello di governance aperto a sinergie virtuose nel campo di interventi sociali che coinvolgano anche Enti terzi per le opere di riqualificazione degli oltre 4.000 alloggi sfitti perché inagibili. Un modello già rodato in altri contesti territoriali con buoni risultati. Spesso le situazioni in cui Aler e Regione si trovano in difficoltà riguardano la ristrutturazione di alloggi singoli: è in questa tipologia di ristrutturazioni mirate che si evidenziano collaborazioni virtuose fra settore pubblico e Fondazioni e Associazioni con finalità sociali.

Peraltro è da notare che Lega e Forza Italia, nel Comune di Milano, hanno assunto una posizione favorevole a questo tipo di interventi sociali, mentre al contrario l’hanno bocciata in sede di Consiglio Regionale. In una situazione caratterizzata da risorse scarse e con un patrimonio abitativo esteso e al contempo vetusto, è opportuno individuare e mettere in campo tutte le possibili strategie per dare una risposta alla crescente domanda di alloggi che si scontra con un’offerta carente ed inadeguata (ad oggi le domande inevase di alloggi popolari a Milano sono oltre 27.000!): il nostro ordine del giorno andava in tal senso, peccato la Giunta, bocciandolo, abbia perso l’occasione di dare un segnale positivo nel contesto in forte sofferenza dell’edilizia residenziale pubblica”.

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali