fbpx
Home Lavoro Cervelli in fuga: in Italia si pagano troppe tasse!
Cervelli in fuga: in Italia si pagano troppe tasse!

Cervelli in fuga: in Italia si pagano troppe tasse!

0
3


Un ingegnere informatico di 27 anni ci scrive dicendo che nell’ultima busta paga il suo stipendio è andato via per metà in tasse. Così ci scrive con rammarico che lascerà il nostro Paese per andare a lavorare all’estero dove la tassazione sui redditi da lavoro dipendente è più bassa. Si tratta di un brillante giovane con un ottimo stipendio che decide di dire addio al Bel Paese perché non ha senso che la fatica di studiare e lavorare alla fine sia vanificata da uno Stato esoso. Con la beffa che fra l’altro non restituisce nemmeno servizi che siano all’altezza del prelievo fiscale. Il problema è il “cuneo fiscale” e cioè le imposte e i contributi che gravano sul lavoro dipendente che portano il costo per l’azienda al doppio di quanto pagato al dipendente (che a sua volta è poi tartassato dall’IRPEF). Per restare in Europa (dalla Francia in su) il cuneo fiscale è molto ridotto e il sistema di welfare è parecchio efficiente, tanto che i giovani riescono persino ad andare a vivere da soli e possono permettersi il lusso di fare anche dei figli. Ricordate che la Fornero diceva che i nostri ragazzi erano schizzinosi? Beh lo racconti a questo ingegnere che anziché contribuire al progresso tecnologico del suo Paese andrà a sviluppare l’innovazione di qualche altro Stato. Siamo nella situazione in cui i giovani più intraprendenti vanno all’estero perché trovano migliori condizioni di vita, mentre a quelli che restano offriamo lavori che spesso sono al di sotto della professionalità acquisita o addirittura non si offre nessuna occupazione. Sorge il dubbio che questa situazione non sia casuale. Così come il potere finanziario ha necessità di manodopera a basso costo (e quindi non si oppone ad una immigrazione incontrollata), così per il nostro Paese il destino nell’Unione Europea è quello di non infastidire il gigante tedesco. Quindi si indebolisce il nostro sistema produttivo, con una valuta troppo forte e depredando le risorse umane più preparate e le aziende più promettenti. Siamo un Paese in vendita che ha tradito le aspettative dei propri giovani con l’aggravante che alla fine, se non ci saranno i nostri giovani a lavorare e a produrre, chi potrà pagare le nostre pensioni? Con il decreto dignità si cerca di invertire questa rotta e cambiare strada. Vedremo se verrà data la possibilità di ridurre il cuneo fiscale come propone il Ministro Di Maio oppure l’Europa insisterà per continuare sulla linea del rigore sui conti pubblici impedendo di investire e sviluppare il nostro Paese, per dare una possibilità ai nostri Giovani.

Marco Fumagalli – Movimento 5 Stelle Lombardia

Il mercato del lavoro in Italia

CERVELLI IN FUGA: IN ITALIA PAGHIAMO TROPPE TASSE.
Un ingegnere informatico di 27 anni ci ha scritto denunciando l’inaccettabile situazione dei prelievi fiscali in Italia: il suo stipendio, ad esempio, per metà se ne va in tasse. Questo giovane, come tanti altri in una condizione molto simile, è un brillante professionista con un ottimo stipendio che, proprio a causa dell’eccessiva tassazione sul lavoro che si applica in Italia, ha deciso di dire addio al Bel Paese ponendosi (e ponendoci) questa domanda: ha senso che la fatica di studiare e lavorare alla fine sia vanificata da uno Stato esoso?
Noi crediamo di NO, siamo convinti che la situazione del mercato del lavoro in Italia, in cui i giovani più intraprendenti vanno all’estero per trovare migliori condizioni di vita – mentre chi resta si ritrova disoccupato o a fare lavori che spesso sono al di sotto della professionalità acquisita – sia ingiusta e triste.
Il decreto dignità voluto dal #M5S ha l’obiettivo invertire questa tendenza per far cambiare strada al nostro Paese. Vedremo se ci verrà data la possibilità di ridurre il cuneo fiscale come propone il Ministro di Maio oppure se l’Europa insisterà per continuare sulla linea del rigore.
Noi vogliamo che i nostri giovani e le nostre aziende abbiano un’opportunità e per questo abbiamo presentato un progetto di legge analogo anche qui in Regione Lombardia.

Guardate il video del nostro Marco Fumagalli!

Pubblicato da MoVimento 5 Stelle Lombardia su Venerdì 31 agosto 2018

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali