Home Aler Criticità nel riscaldamento delle case popolari a Rozzano: risposta inconcludente dell’Assessore regionale
Criticità nel riscaldamento delle case popolari a Rozzano: risposta inconcludente dell’Assessore regionale

Criticità nel riscaldamento delle case popolari a Rozzano: risposta inconcludente dell’Assessore regionale

0
3

Oggi in Aula di Consiglio il Consigliere regionale M5S Nicola Di Marco ha discusso l’interrogazione a sua prima firma su Rozzano con l’Assessore alle politiche abitative Stefano Bolognini.

Nel merito, il Consigliere Di Marco dichiara: “La mia interrogazione aveva il fine di spronare Regione Lombardia a farsi parte attiva per risolvere le annose criticità della rete di teleriscaldamento delle case popolari di Rozzano, è infatti necessario ammodernare l’impianto termico per evitare altri inverni al gelo per i residenti, e sistemare la questione delle bollette del riscaldamento fuori controllo con prezzi esorbitanti (lievitati da 12 a 22 euro a metro quadro dal 2015, poi scesi a 19 euro) scaricati sull’utenza a fronte di un servizio erogato pessimo e di un ammodernamento dell’impianto che slitta di anno in anno (ora si parla del 2019, vigileremo!).    

In questa vicenda la società proprietaria dell’impianto di teleriscaldamento (API) è in via di liquidazione e la società concessionaria della gestione (AMA) ha annunciato la probabile cessione del ramo d’azienda: i residenti giustamente si chiedono quale sarà il futuro di questo servizio essenziale, quali saranno la nuova proprietà, il nuovo gestore, e se le bollette caleranno a prezzi ragionevoli smettendo di dissanguare i loro risparmi. 

In questo caos che dura da anni ho chiesto all’Assessore di intervenire come Regione, che peraltro controlla ALER, per fare ordine e dare delle risposte alle migliaia di residenti delle case popolari di Rozzano, in particolare ho chiesto che Regione insieme ad ALER sondino il mercato per trovare i futuri gestori del teleriscaldamento, nonché un impegno a ricalcolare al ribasso le bollette garantendo la fine del salasso e prezzi equi e che gli importi restituiti ai cittadini nei conguagli dei mesi passati non vengano più richiesti anche in caso di un esito negativo del contenzioso con AMA.

La risposta dell’Assessore alle politiche abitative Bolognini è stata purtroppo di fatto inconcludente: nessun impegno preciso e nessuna chiara assunzione di responsabilità per dipanare questa matassa che crea tanti disagi ai residenti delle case popolari. 

Come M5S continueremo nella nostra opera di fiato sul collo alla Giunta monitorando questa situazione che riguarda i residenti delle case popolari di Rozzano”. 

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali