Home Aler Aler Milano, aumento delle occupazioni abusive e continue perdite da contratti derivati tossici
Aler Milano, aumento delle occupazioni abusive e continue perdite da contratti derivati tossici

Aler Milano, aumento delle occupazioni abusive e continue perdite da contratti derivati tossici

0
2

E’ stata recentemente pubblicata la Relazione sul bilancio di ALER Milano 2017 redatta dalla Corte dei Conti, dalla quale emergono due dati inquietanti: l’aumento delle occupazioni abusive nel periodo 2014-2017 e le continue perdite da contratti finanziari speculativi, cioè derivati tossici. Il quadro fotografato dalla Corte dei conti è molto preoccupante sia per l’aumento delle occupazioni abusive sia per le perdite da derivati. Le occupazioni crescono del 25 per cento e rimangono da assegnare ancora 1219 alloggi sfitti dei circa 1714 recuperati.

Nonostante questa situazione disastrosa la Giunta regionale di Lega e Centrodestra ha bocciato tutti i nostri emendamenti al bilancio che chiedevano più risorse per ristrutturare ed assegnare gli alloggi sfitti e maggiori investimenti per l’edificazione di nuovi edifici e alloggi. E’ follia continuare a tenere nella pancia dell’Ente un set di titoli finanziari tossici che continuano a creare perdite che si accumulano negli anni, i contratti derivati, nonostante ALER Milano sia già sepolta dai debiti. Secondo la Corte le perdite, a fine 2017, ammonterebbero a quasi 6 milioni di euro. La finalità dell’ALER non è certo quella di fare speculazione finanziaria con titoli tossici.

Il M5S da anni chiede che vengano al più presto chiusi i contratti derivati, la prima a farlo fu tempo fa l’allora xonsigliera Iolanda Nanni. Con questa mala gestione ALER va a sbattere contro un muro, e a rimetterci, alla fine, sono i contribuenti che pagano il conto e gli inquilini delle case popolari che si meriterebbero una gestione assennata a fronte di quella dissennata che gli offre da anni il centro-destra.

Nicola Di Marco – Consigliere Regionale M5S Lombardia

 

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali