Gregorio Mammì Notizie Sanità e Politiche Sociali Trasparenza

Fondo Non Autosufficienza, la Lombardia vuole aiutare?

Fondo non autosufficienza. Non chiaro come e se Lombardia voglia aiutare queste persone

 

Oggi in commissione sanità, si è discusso delle difficoltà che si riscontrano sulla fruibilità dei fondi a sostegno della non autosufficienza e, in particolare, delle misure B1 e B2 per le persone disabili gravi o gravissime.

 

Per il consigliere regionale del M5S Lombardia Gregorio Mammì componente della commissione: “risulta che non tutte le richieste del 2018, circa 3330, siano state accolte. Non è chiaro come regione Lombardia abbia intenzione di aiutare queste persone e come intenda aumentarne il bacino, andrebbero creati dei progetti ad hoc.”

 

A livello nazionale il fondo per la non autosufficienza, grazie al Ministro Grillo e al M5s, è aumentato di 100 milioni di euro arrivando a 550.

E, sulle problematiche riscontrate in regione Lombardia il consigliere Mammì continua: “Un altro aspetto da non sottovalutare è la continuità. Ogni anno devono essere prodotte diverse certificazioni e ci è stato segnalato che molte persone non sono riuscite ad a fruire della misura per via dei molti passaggi burocratici.

È compito dell’istituzione riuscire a fare il più possibile per rendere la vita possibile.

La continuità è messa in serio dubbio rispetto a quello che viene richiesto: ogni comune vuole qualcosa di diverso, dall’isee alle documentazioni e  riteniamo che andrebbe alzata la soglia minima di iseee per rendere questa misura più inclusiva possibile. Inoltre, a favore della deburocratizzazione si potrebbero utilizzare le banche date regionali per semplificare il tutto.

Articoli Correlati

#SaliAbordo: il M5S Lombardia incontra i territori

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame

Regione Lombardia boccia il salario minimo, Mammì: «Abbiamo dettato l’agenda sul reddito di cittadinanza, sul taglio dei vitalizi, sulle armi e sulle politiche energetiche. Il vecchio centrodestra si adeguerà anche al salario minimo»

Carolina Russo De Cerame