Gregorio Mammì Notizie Sanità e Politiche Sociali Trasparenza

Fondo Non Autosufficienza, la Lombardia vuole aiutare?

Fondo non autosufficienza. Non chiaro come e se Lombardia voglia aiutare queste persone

 

Oggi in commissione sanità, si è discusso delle difficoltà che si riscontrano sulla fruibilità dei fondi a sostegno della non autosufficienza e, in particolare, delle misure B1 e B2 per le persone disabili gravi o gravissime.

 

Per il consigliere regionale del M5S Lombardia Gregorio Mammì componente della commissione: “risulta che non tutte le richieste del 2018, circa 3330, siano state accolte. Non è chiaro come regione Lombardia abbia intenzione di aiutare queste persone e come intenda aumentarne il bacino, andrebbero creati dei progetti ad hoc.”

 

A livello nazionale il fondo per la non autosufficienza, grazie al Ministro Grillo e al M5s, è aumentato di 100 milioni di euro arrivando a 550.

E, sulle problematiche riscontrate in regione Lombardia il consigliere Mammì continua: “Un altro aspetto da non sottovalutare è la continuità. Ogni anno devono essere prodotte diverse certificazioni e ci è stato segnalato che molte persone non sono riuscite ad a fruire della misura per via dei molti passaggi burocratici.

È compito dell’istituzione riuscire a fare il più possibile per rendere la vita possibile.

La continuità è messa in serio dubbio rispetto a quello che viene richiesto: ogni comune vuole qualcosa di diverso, dall’isee alle documentazioni e  riteniamo che andrebbe alzata la soglia minima di iseee per rendere questa misura più inclusiva possibile. Inoltre, a favore della deburocratizzazione si potrebbero utilizzare le banche date regionali per semplificare il tutto.

Articoli Correlati

Redazione Staff

Redazione Staff

“FOOD FOR PROFIT”, UN DOC SUGLI ANIMALI CHE RICHIAMA LE NOSTRE COSCIENZE

Redazione Staff