fbpx
Home Legalità e trasparenza Gigi Ponti si dimetta, per danno erariale alla Lombardia
Gigi Ponti si dimetta, per danno erariale alla Lombardia

Gigi Ponti si dimetta, per danno erariale alla Lombardia

0
2

Marco Fumagalli, capogruppo del M5S Lombardia, interviene e commenta l’incompatibilità sorta per il consigliere Gigi Ponti, in seguito alla sentenza passata in giudicato della corte dei conti che lo condanna per danno erariale in merito alle vicende relative alla cessione delle azioni della Serravalle in cui erano coinvolte ASAM e il Gruppo Gavio.

Gigi Ponti si deve dimettere dal Consiglio regionale. Ho scritto al Presidente Fermi provvedendo a fargli avere la sentenza emessa dalla Corte dei Conti in relazione alla condanna per danno erariale. O Ponti provvederà a pagare, insieme ad altri, quasi 5 milioni di euro che ha nei confronti di Regione Lombardia, oppure la Giunta per le elezioni dovrà provvedere di conseguenza facendolo decadere dalla carica che ricopre”.

Il Consigliere Regionale Luigi Piccirillo aggiunge: “Mi chiedo se i colleghi del PD, che avevano presentato una mozione urgente per chiedere le dimissioni di Savoini dalla Vice Presidenza del Corecom, abbiano già provveduto a formalizzare una richiesta simile per il proprio compagno di partito, o se almeno gli abbiano chiesto di fare un passo indietro”.

 

La sentenza

“…e Luigi Pietro PONTI al pagamento in favore della Regione Lombardia di euro 4.943.700,00 (quattromilioninovecentoquarantatremila-settecento/00) da dividere in parti uguali tra loro, oltre rivalutazione monetaria secondo gli indici ISTAT da agosto 2005 fino alla pubblicazione della presente sentenza, nonché interessi legali dalla pubblicazione al saldo”.

L’incompatibilità

In base all’art. 5 comma 3 lettera e) della Legge Regionale 2 dicembre 2016, n. 31 si prevede incompatibilità nel caso di colui che, con sentenza passata in giudicato, è stato dichiarato responsabile nei confronti della Giunta regionale, del Consiglio regionale o degli enti del sistema regionale e non ha ancora estinto il debito.

 

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali