Consiglio Regionale News Lavoro Sanità e Politiche Sociali Simone Verni

Bocciata Mozione a sostegno Tecnici di prevenzione ATS

?Bocciata ieri in Consiglio regionale la mozione a sostegno dei Tecnici di Prevenzione delle ATS

La figura professionale del TECNICO DI PREVENZIONE svolge un ruolo di primaria importanza per assicurare la salute e il benessere dei lavoratori e la sicurezza in ambito alimentare.

Il Consigliere Simone Verni – Consigliere Regione Lombardia MoVimento 5 Stelle ha richiesto ieri in Consiglio Regionale di prevedere che l’iscrizione all’Albo dei Tecnici di Prevenzione delle ATS lombarde, venga integralmente rimborsata per quest’anno e il precedente e che sia a carico delle ATS per gli anni a venire.

Il Ministro della Salute, a marzo 2018, ha disposto in Italia un Albo dedicato all’interno del nuovo Ordine delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione e impone ai Tecnici il PAGAMENTO dell’iscrizione.

Il commento del consigliere Verni:
La maggioranza (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia…), sentito il parere contrario dell’Assessore regionale, ha respinto la mozione.

Ma come?
Non è proprio la Lega (così come FI e FdI) a ripetere il mantra “prima gli italiani”, “tagliamo le tasse”, “autonomia”?”

La maggioranza non ha fatto nulla per evitare quella che, in pratica, è una TASSA AGGIUNTIVA che grava, ingiustificatamente, sulle spalle dei propri lavoratori (pubblici)?

“Questa è la solita demagogia allo stato brado targata Lega:

➡️ vuole dare priorità agli italiani, ma sono i primi ad essere vessati;
➡️ vuole tagliare le tasse, ma poi non le taglia;
➡️ vuole più autonomia, ma non decide nemmeno quando questa autonomia ce l’ha.

È semplicemente VERGOGNOSO❗️” conclude Verni.

Articoli Correlati

Da Regione No al rimborso abbonamenti Trenord per il mese di luglio. Di Marco: “Pendolari beffati dopo i disastri delle ultime settimane”

#SaliAbordo: il M5S Lombardia incontra i territori

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame