Home Ambiente e Protezione Civile Degli Angeli: i rifiuti vanno tracciati con Blockchain
Degli Angeli: i rifiuti vanno tracciati con Blockchain

Degli Angeli: i rifiuti vanno tracciati con Blockchain

0
2

È di questa mattina l’ultimo incendio di rifiuti, questa volta riguarda del materiale plastico a Fombio.
A tale proposito il Consigliere Marco Degli Angeli è intervenuto spiegando:

“Nell’agosto scorso in provincia di Lodi, a Codogno, si era già verificato un grave rogo di rifiuti.
Su quell’impianto di stoccaggio erano state rilevate delle irregolarità e avevo depositato un’interrogazione alla Lombardia perché chiarisse ogni aspetto della vicenda.

Oggi è successo di nuovo a Fombio, sempre nella zona di Codogno.
Chiedo alla Lombardia verifiche sull’eventuale rilascio di inquinanti nell’aria e insisto perché le indagini procedano rapidamente, non è il primo episodio di questo tipo in provincia.”

In Lombardia i roghi di rifiuti non si contano più e molto spesso sono purtroppo legati a fenomeni corruttivi e d’infiltrazione mafiosa.
Per questo motivo il Consigliere Degli angeli sottolinea come siano necessari controlli e verifiche, con una TRACCIABILITÀ certa della filiera di rifiuto.

“Solleciteremo la Lombardia perché adotti procedure di  tracciabilità garantita, trasparente e non modificabile della filiera del rifiuto con l’utilizzo di una nuova tecnologia, la Blockchain, facendo tesoro di esperimenti già avviati.

Il problema dei rifiuti e dell’indifferenziato non si risolverà infatti con l’incenerimento.
Deve diffondersi una cultura della loro riduzione.

Su questo stiamo lavorando in ambito nazionale con l’obiettivo di trovare soluzioni che permettano di chiudere il ciclo vita dei prodotti attraverso il loro riciclo e il riutilizzo”, conclude Degli Angeli.

La mappa dei roghi aggiornata: MAPPA LOGHI AGGIORNATA

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali