Marco Degli Angeli Notizie Raffaele Erba Sanità e Politiche Sociali

Pazienti cronici: la Lombardia potrebbe risparmiare 5 miliardi di euro all’anno

Un incontro formativo e davvero interessante quello avvenuto ieri in Commissione Regionale Sanità con il Dott. Antonio Frustaglia.

Frustaglia è geriatra cardiologo e direttore medico di area socio sanitaria dell’Istituto Pietro Redaelli di Vimodrone (Mi).
Su richiesta del M5S Lombardia ha presentato il progetto “Educare” e la ricerca correlata con la quale ha provato la fattibilità e i benefici dell’assunzione della dieta mediterranea nei pazienti cronici.

Marco Degli Angeli e Raffaele Erba, consiglieri regionali del M5S Lombardia, dichiarano: “Da questa audizione sono emersi due aspetti fondamentali. il primo che lavorando sull’alimentazione è possibile migliorare notevolmente la qualità della vita e le aspettative di arrivare in età avanzata in salute. Il secondo che tutto questo può essere tradotto in elevati risparmi per il sistema sanitario regionale. Si stima la possibilità di arrivare addirittura al 25 % di tagli della spesa che tradotto in euro è pari a un risparmio di 5 miliardi all’anno”.

“È una somma importante”, continuano i portavoce, “che può essere destinata a moltissime altre cose come il potenziamento degli ospedali periferici, investire nella ricerca scientifica e in generale, migliorare l’offerta di servizi socio-sanitari.

L’invito a Regione Lombardia è quello di prendere seriamente in considerazione gli spunti emersi dall’incontro di ieri.
La proposta di rendere più sistematica sia la promozione che l’adozione della dieta mediterranea tra i pazienti va decisamente ascoltata.
A fronte di così grandi benefici in termini di salute e risparmi non si può far finta di nulla”.

Articoli Correlati

#SaliAbordo: il M5S Lombardia incontra i territori

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame

In Commissione Sanità le modifiche alla riforma Moratti, Fumagalli: «Correzioni sostanziali, altrimenti il Governo avrebbe impugnato la legge»