Home Agricoltura, montagna e parchi Via Bassini – dopo il bliz notturno,un corte sotto al comune di Milano
Via Bassini –  dopo il bliz notturno,un corte sotto al comune di Milano

Via Bassini – dopo il bliz notturno,un corte sotto al comune di Milano

0
2

Un vero e proprio blitz, con tanto di massiccio dispiegamento di forze dell’ordine si è tenuto nella notte fra il primo e il 2 gennaio 2020.
È in questo modo che si è scelto di mettere fine alla vicenda legata all’abbattimento degli alberi di via Bassini. Lasciando inascoltate le voci di chi, fra professori, studenti e cittadini da tempo si batte per preservare uno degli ultimi polmoni verdi superstiti in città.

“Il MoVimento 5 Stelle sarà sempre in piazza al fianco di chi manifesta per fermare il consumo di suolo e tutelare il verde pubblico!!”

Le parole sono del consigliere Massimo De Rosa, che ieri sera insieme al collega Consigliere Gregorio Mammì ha partecipato alla manifestazione organizzata dal Comitato Parco Bassini, che ha portato sotto le finestre del Comune di Milano il malcontento per una gestione del territorio sacrificata al cemento!

“La misura è colma, non ne possiamo più di politici che sfilano in corteo per l’ambiente, al solo scopo di avere una foto da postare sui social, e poi prendono decisioni nella direzione opposta. Il sindaco Sala non perde l’occasione per provare a ricostruirsi una coscienza ambientale, salvo poi abbattere alberi e cementificare non appena possibile. Come accaduto con il blitz dello scorso 2 gennaio in via Bassini.

Se parliamo di consumo di suolo, la gestione Sala è disastrosa. Basta pensare che, solo nell’ultimo anno, la sua maggioranza ha concesso un consumo di suolo di undici ettari e mezzo, mentre Torino, nello stesso periodo, ne ha restituiti sette” conclude De Rosa.

Con i manifestanti anche la consigliera comunale Patrizia Bedori: “Il sindaco aveva promesso la piantumazione di tre milioni di alberi entro il 2030, parole alle quali non sono seguiti i fatti.

Inutili anche le dichiarazioni di questa maggioranza sull’area verde di prossima cementificazione in via dei Ciclamini. Parlano e promettono peccato però che poi abbiano votato contro alla nostra osservazione sul pgt, che avrebbe cancellato l’ampliamento a favore della fondazione privata. Oggi siamo al fianco dei cittadini, professori e studenti per chiedere al Sindaco e alla giunta di fermare il consumo di suolo nell’ormai ex parco Bassini e nel resto della città. Siamo in piena emergenza climatica e ambientale, viviamo in una delle città più inquinate d’Europa, non è concepibile che non si metta al primo posto la salute dei cittadini. Vogliamo fatti non chiacchiere o selfie ai cortei ambientali”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali