Ferdinando Alberti Lavoro Legalità e trasparenza Notizie

CORONAVIRUS: i Bar possono stare aperti oppure no?

🔴 I BAR POSSONO STARE APERTI OPPURE NO? POCA CHIAREZZA NELL’ORDINANZA DI REGIONE

L’ordinanda di Regione emanata il 23 febbraio dice che “i bar e pub devono stare chiusi dalle 18.00 alle 6.00”.
Nel sito istituzionale è stata creata una sezione ad hoc sul “Coronavirus” dove trovare tutte le informazioni.

➡️http://bit.ly/2I46jPm

Nella giornata di ieri Regione Lombardia, su pressione anche delle associazioni di categoria che facevano notare una inspiegabile differenza di trattamento tra bar e ristoranti, emanava una comunicazione che non si trova nello stesso percorso dell’ordinanza di cui sopra ma sotto la voce “Prevenzione e benessere”:
➡️ http://bit.ly/2TncLWW

Con la quale chiariva il seguente punto:🚨IN QUALI CASI IL BAR PUÒ RIMANERE APERTO?
“I bar e/o pub che prevedono la somministrazione assistita di alimenti e bevande non sono soggetti a restrizioni e pertanto possono rimanere aperti come previsto per i ristoranti, purché sia rispettato il vincolo del numero massimo di coperti previsto dall’esercizio”.

Il Consigliere Dino Alberti sottolinea:
“Al di là che tale comunicazione non la si trova se non si sa cosa cercare, resta il problema che l’ordinanza NON è stata modificata e NON può essere modificata da una semplice “FAQ”!

Questo significa che:
‼️‼️SE UN ESERCENTE DOVESSE TENERE APERTO DOPO LE 18:00 PUR FACENDO SERVIZIO AI TAVOLI, VIOLEREBBE COMUNQUE L’ORDINANZA‼️‼️
➡️ Per questo motivo le autorità territoriali e polizia locale non stanno rilasciando nessuna “autorizzazione” all’apertura di bar e pub dopo le ore 18.00 perché appunto l’ordinanza del 23 febbraio non lo prevede!”

Articoli Correlati

Regione Lombardia boccia il salario minimo, Mammì: «Abbiamo dettato l’agenda sul reddito di cittadinanza, sul taglio dei vitalizi, sulle armi e sulle politiche energetiche. Il vecchio centrodestra si adeguerà anche al salario minimo»

Carolina Russo De Cerame

Infermieri: la replica di Mammì alle dichiarazioni del presidente dell’OPI

‘Ndrangheta, decine di arresti a Como. Erba: «Serve un tavolo di confronto provinciale. La battaglia per la legalità va combattuta ogni giorno»

Carolina Russo De Cerame