fbpx
Home Iolanda Nanni Giù le mani da ALER: non è un giocattolo
Giù le mani da ALER: non è un giocattolo

Giù le mani da ALER: non è un giocattolo

0
1

maronaler2Per il Movimento 5 Stelle la decisione, appresa dagli organi di stampa, ed assunta dopo un incontro di un’ora tra il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia, di dare vita a una nuova società che prenderà il posto di Aler Milano nella gestione di circa 68 mila case popolari sul territorio di Milano è assurda e antidemocratica.

Iolanda Nanni, consigliere del Movimento 5 Stelle che a breve entrerà a far parte della Commissione di Inchiesta su ALER Milano, dichiara: “Dopo il naufragio dell’improvvida proposta leghista e centralista di Alpe , Azienda Lombarda Pubblica Edilizia, Maroni ci riprova e trova un alleato in Pisapia per mettere in piedi in due mesi una fantomatica newco, dai contorni fumosi e oscuri, ovvero una nuova azienda, compartecipata da Regione e Comune di Milano che erediterebbe un debito di 345 milioni di euro. Ancora una volta, si prendono decisioni importanti nel chiuso delle segrete stanze della politica partitica, bypassando furbescamente le sedi istituzionali preposte al dibattito e alle riforme. Infatti, di nulla di tutto questo si è mai  parlato nella Commissione V Territorio e Infrastrutture di Regione Lombardia, tanto meno Maroni, all’ultima seduta del 21 gennaio, si è “scomodato” a coinvolgere il Consiglio Regionale in questa decisione che potrà avere effetti devastanti sui cittadini milanesi tutti. Che ne è del confronto tra forze politiche, del ruolo di sollecitazione delle minoranze, e delle idee che sono arrivate nelle istituzioni da comitati, sindacati e cittadini ascoltati con le audizioni in questi mesi?”.

“Abbiamo assistito indignati alla riforma gestionale varata dall’alto sotto dettatura dal Governatore Maroni a cui il M5S Lombardia si è fortemente opposto presentando un proprio progetto di legge che avrebbe radicalmente rivoluzionato il sistema ALER, a partire dal degenerato sistema delle nomine delle cariche apicali che a tutt’oggi sono appannaggio dei partiti e non delle competenze e capacità. Ora, una classe politica senza idee si inventa una nuova società, di cui nulla ci è dato di sapere, e per la quale esigiamo di sapere chi si accollerà il buco nero di 345Milioni di Euro. E’ pronto a farlo Pisapia, a nome di tutti i milanesi, ben sapendo che Milano è il secondo comune più indebitato d’Italia?  L’impressione è invece che i partiti continuino in questa logica spartitoria del bene comune per trarne profitti a danno della collettività o per coprire eventuali responsabilità politiche comuni i cui effetti devastanti fanno ricadere direttamente e senza ritegno sui cittadini, senza una reale volontà politica di risolvere il problema a intere famiglie assegnatarie di alloggi ALER che versano in stato di estremo degrado,  intere famiglie ferme nelle graduatorie immobili in attesa di una casa, intere famiglie che non riescono più ad accedere al libero mercato e contemporaneamente perdono il diritto alla casa e alla dignità. ALER non è un giocattolo nelle mani dei partiti!”.

 

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali