Home Giampietro Maccabiani Una legge per poter scorrazzare in moto nei boschi. Non abbiamo problemi più urgenti?

Una legge per poter scorrazzare in moto nei boschi. Non abbiamo problemi più urgenti?

0
3

scoiattolo

In commissione agricoltura stiamo trattando un Progetto di Legge della maggioranza che ha come obiettivo permettere le gare motociclistiche nei boschi e nei sentieri. Tutti i soggetti auditi, dal WWF, a Legambiente, a ERSAF, ai comitati, hanno dichiarato la loro contrarietà e spiegato chiaramente che permettere queste gare nei boschi e nei sentieri (oltre che nella normale viabilità agro-silvo-pastorale dove attualmente è consentito) avrà effetti dannosi sul suolo, sulla flora e sulla fauna locale. Come se non bastasse, in commissione sono stati presentati emendamenti peggiorativi a firma di Tomasi (PD) e Dotti (Fratelli d’Italia) che intendono modificare la definizione di bosco ed eliminare le compensazioni ambientali per le opere pubbliche di trasformazione del bosco.

A fronte delle osservazioni di tutti gli auditi e alla nostra richiesta già fatta più volte in commissione di ritirare questa che è una autentica porcata, la maggioranza continua a sostenere, mentendo, che il Progetto di Legge serve solo a colmare un vuoto normativo, mentre in realtà introduce per legge la possibilità di gareggiare con enduro e moto da cross in mezzo ai boschi.

Questo è gravissimo, non solo per il danno ambientale, ma soprattutto perché si tratta di un Progetto di Legge che sostiene gli interessi (o meglio, gli hobbies) di pochissime persone, negando perfino le adeguate protezioni per l’ambiente.

La maggioranza, invece che continuare a negare l’evidenza, dovrebbe per lo meno ammettere il suo reale intendimento. I casi sono due: o hanno vergogna a farlo, o non sanno nemmeno leggere i propri Progetti di Legge. Magari non li hanno nemmeno scritti loro, ma direttamente amici o parenti? Che ne pensa, presidente Fermi?”

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali