Home Ambiente e Protezione Civile Sciolto il gruppo di lavoro sul consumo di suolo

Sciolto il gruppo di lavoro sul consumo di suolo

0
0

“Sul consumo di suolo basta melina, l’esondazione del Seveso è solo l’ultimo esempio dei danni ai quali ha portato la totale anarchia nella cementificazione in Lombardia”, dichiara Gianmarco Corbetta, Consigliere di M5S Lombardia. “In Regione sono state depositate ben quattro progetti di legge e l’intenzione iniziale era quella di procedere rapidamente all’approvazione di un testo il più possibile condiviso, ma oggi il tavolo di lavoro è stato sciolto dopo le dimissioni del coordinatore Agostino Alloni (PD). Da una parte l’Assessore Beccalossi aveva prodotto una proposta di legge che abbiamo considerato il minimo sindacale per sederci al tavolo con l’obiettivo di cercare di migliorarla. Dall’altra però Forza Italia e Nuovo Centro Destra hanno imposto un freno ai lavori e sembrano contrari ad una seria limitazione del consumo di suolo. Hanno tenuto in ostaggio il tavolo per un mese perché la maggioranza non trovava un accordo sul da farsi”, continua Corbetta.

“il PD, con le dimissioni del suo coordinatore Alloni , ha provocato lo scioglimento del tavolo. E’ una scelta che non condividiamo: ora la discussione proseguirà all’interno della commissione V, come qualsiasi altro provvedimento, ma vista l’importanza del tema, sarebbe stato molto meglio continuare ad avere un gruppo di lavoro dedicato. Ci auguriamo che la maggioranza ci mostri finalmente una sintesi su cosa vuole fare per il suolo in Lombardia. Poi, sulla base dei contenuti della proposta, valuteremo il da farsi. I problemi da affrontare sono molti. Primo fra tutti i Piani di Governo del territorio dei Comuni lombardi già approvati che prevedono, nei prossimi anni, l’edificazione di 414.193.400 metri quadrati, un’area pari alla superficie della provincia di Monza e Brianza, più del doppio dell’intero comune di Milano. Sono previsioni di espansione insostenibili e assurde”.

“Certo arrivare a una legge accettabile con una maggioranza che consente alle moto di scorrazzare nei boschi e che consente di disboscare in pianura, come ha fatto in Consiglio Regionale, è improbabile. Ma noi del M5S sentiamo il dovere di provarci. L’invito alla Lega e all’Assessore Beccalossi è quello di mollare le zavorre di Fi e NCD: su questo tema i numeri in Consiglio per approvare una legge decente ci sono. Lo dobbiamo alla nostra regione, al suo territorio e ai suoi cittadini.” conclude Corbetta

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali