Home Ambiente e Protezione Civile Arexpo: coinvolgere il consiglio regionale
Arexpo: coinvolgere il consiglio regionale

Arexpo: coinvolgere il consiglio regionale

0
0

dopo-expoCom’era prevedibile, nonostante l’ottimismo manifestato dai vertici di Arexpo durante l’audizione in commissione agricoltura dello scorso ottobre, il bando per la vendita dell’area Expo 2015 è andato deserto.  E ora?

Ora la questione che si pone è particolarmente delicata e il Movimento 5 Stelle non intende restare a guardare. I rischi, infatti, che a questo punto si prospettano sono:

– che l’area venga suddivisa in lotti, spezzettata senza un progetto d’insieme, lasciando le zone meno appetibili abbandonate al degrado
– che, nonostante un indice di edificabilità già altissimo, si conceda un ulteriore aumento della percentuale edificabile favorendo la speculazione edilizia
– che, per questioni di opportunità politica e di propaganda elettorale, la giunta del comune di Milano rimandi a dopo le elezioni la decisione sul futuro di un area fondamentale per il nostro territorio.

La Giunta Maroni ha il dovere di coinvolgere il Consiglio Regionale per arrivare ad una decisione condivisa con l’organo elettivo, rappresentante dei lombardi, che possa soddisfare soprattutto le esigenze della cittadinanza che ha il diritto di vedere realizzato un progetto sostenibile e intelligente, su un’area già sottoposta a indagini della magistratura,  costato ai contribuenti svariate centinati di milioni di euro e ha il dovere di tutelare il territorio.

Non pensi la Giunta lombarda di estromettere da questo processo decisionale il Consiglio, organo elettivo, come ha già fatto in occasione del primo bando.
Il Movimento 5 Stelle, come per Expo, farà la differenza!

Portavoce M5S Lombardia e Milano
Portavoce M5S Commissione Lavori Pubblici Senato

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali