Home Gianmarco Corbetta Gran Premio di Monza, nessun dato sull’indotto economico ma 20 milioni di euro per l’autodromo

Gran Premio di Monza, nessun dato sull’indotto economico ma 20 milioni di euro per l’autodromo

0
1

L’Assessore Fabrizio Sala ha risposto, nel corso del Consiglio Regionale della Lombardia, a un’interpellanza del Movimento 5 Stelle Lombardia che chiedeva chiarimenti sulle intenzioni della Giunta Maroni in merito ai contributi economici che vuole dare per mantenere il Gran Premio di Formula 1 nell’autodromo di Monza.

Gianmarco Corbetta, consigliere del M5S Lombardia, ha spiegato: “Bernie Ecclestone ha chiesto il raddoppio del canone attuale (da 10 a 20 milioni di dollari all’anno), altrimenti è pronto a sloggiare da Monza e l’autodromo, per continuare ad accogliere la F1, necessita di un rinnovamento strutturale per svariati milioni di euro. La Sias, la società che gestisce l’autodromo, questi soldi non ce li ha e di investitori privati non se ne vede nemmeno l’ombra; per cui il Governatore Maroni ha promesso di stanziare 20 milioni di euro”.

“Lo stanziamento – continua Corbetta – è subordinato all’ingresso nella proprietà del Parco della Regione Lombardia senza esborso di tasse. Il MoVimento 5 Stelle non intende schierarsi a favore o contro l’autodromo, il punto è capire se un esborso di risorse pubbliche così ingente (i 20 milioni annunciati da Maroni) sia realmente giustificato dall’indotto che il Gran Premio porta con sé oppure no. Riteniamo difatti inadeguate le analisi sull’indotto che ogni anno rilascia la Camera di Commercio, in quanto si tratta di analisi basate su stime e previsioni, non di dati a consuntivo”.

Corbetta ha proseguito: “Ho chiesto dati che giustifichino l’investimento previsto. Ho chiesto dati sull’indotto e non sono arrivati. Deduco che non ne  esistono. Una spesa di 20 milioni di euro senza sapere nulla di quanto porterà l’investimento non è  intelligente. Volevo capire se quei fondi pubblici sono davvero utili per il territorio, volevo che la giunta mi convincesse che spendere questo danaro pubblico nel rilancio dell’autodromo e del Gran Premio d’Italia a Monza – in questo momento di crisi – fosse più utile per la collettività che investirli nel supporto alle PMI, alla cultura, alla scuola, alla sanità e al trasporto. Ma l’assessore Sala non è stato in grado di fornire alcuna risposta convincente.

 

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali