Andrea Fiasconaro Comunicati stampa

Area Vasta: chiariamo le funzioni e soprattutto le risorse a disposizione

MILANO, 23 MAG – “Riguardo alla discussione in corso sulle aree vaste è fondamentale chiarire quali funzioni avranno e soprattutto quali risorse avranno a disposizione. Ai tavoli fino ad ora organizzati tutto ciò non è stato chiarito a fondo. Sono d’accordo con l’idea di non perdersi nella discussione sui confini. Per quanto riguarda il mantovano, il cremonese e il cremasco a mio parere sarebbe utile capovolgere il discorso e insistere prima sulla definizione delle zone omogenee, così come anche la legge regionale prevede, ed individuate anche dai sindaci mantovani (Oltrepò, Alto mantovano, Grande Mantova e Oglio Po). Alleggeriamo l’area vasta e lasciamo che le zone omogenee possano gestire alcune funzioni con chi territorialmente gli è più vicino e congeniale. Questa pianificazione potrebbe travalicare, per alcune funzioni, i confini territoriali delle attuali provincie ed anche dei fantomatici cantoni. Il governo del territorio che oggi è funzione dei comuni, per esempio, potrebbe essere una funzione della zona omogenea, mentre la pianificazione delle infrastrutture prioritarie sulle quali investire sarebbe prerogativa della più grande area vasta”.

Articoli Correlati

Assestamento bilancio regionale, Di Marco: «Legge priva di visione e concretezza, specchio del caos e le lotte interne al centrodestra»

Riforma Parco Agricolo Sud Milano: firma anche tu per fermare lo scippo del centrodestra lombardo

Di Marco: «Il Superbonus 110% traina la ripresa in Lombardia con 21 mila cantieri e 4 miliardi di investimenti»