Home Comunicati stampa Seminterrati: legge scritta coi piedi che manda a vivere i più poveri sotto terra
Seminterrati: legge scritta coi piedi che manda a vivere i più poveri sotto terra

Seminterrati: legge scritta coi piedi che manda a vivere i più poveri sotto terra

0
0

L’ultima trovata di Forza Italia è quella di rendere abitabili i seminterrati. Ovviamente non ci andranno loro a viverci, ma la povera gente e gli immigrati. In un momento in cui il Paese chiede sicurezza, prevenzione e tutela della salute, la maggioranza che governa la Lombardia pensa solo a far fare cassa ai palazzinari e a creare nuove marginalità e degrado con una gigantesca sanatoria aperta a tutti coloro che già oggi abusivamente mettono a reddito locali seminterrati contro la legge, sfruttando la povertà della gente e le categorie deboli. Perché questa legge altro non fa che rendere legale quello che oggi è considerato abusivo, e in questo contesto, sarà la stessa Regione ad autorizzare l’ammassamento di persone in spazi angusti e in condizioni di vita estreme dove l’illegalità rischia di proliferare legalmente. La Lega Nord con il suo voto favorevole dovrà sostituire il proprio slogan “A casa gli immigrati” con “Immigrati nei seminterrati“, nei seminterrati lombardi. Nel merito inoltre c’è un fattore molto importante legato ai rischi che questa legge comporterà. La legge regionale rende abitabili seminterrati situati in aree a rischio sismico e idrogeologico e, in deroga alla normativa nazionale, abbassa l’altezza minima da 2.70mt a 2,40 mt. Per non parlare del problema dell’inquinamento da radon, un gas cancerogeno presente nel suolo lombardo, in particolare nel lecchese e nella bergamasca, le cui concentrazioni all’interno dei locali interrati potrebbero essere letali per i residenti. Per tutti questi motivi questa legge rischia di essere impugnata. La cosa più vergognosa è che viene proposta ai lombardi come una soluzione contro il consumo di suolo, da una maggioranza che in questi anni ha cementificato e costruito senza soluzione di continuità (BreBeMi, Teem, Pedemontana, Toem), e parallelamente non è stata in grado di affrontare seriamente il tema del recupero del patrimonio immobiliare inutilizzato, censire e incentivare la ristrutturazione delle migliaia di alloggi sfitti e invenduti presenti sul territorio lombardo. Insomma una presa per i fondelli bella e buona.

Iolanda Nanni – Capogruppo del M5S Lombardia

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali