Andrea Fiasconaro Notizie Sanità e Politiche Sociali

Oncologia Poma, ancora fumosa la posizione di Regione Lombardia.

Dopo mesi di attesa oggi in Commissione Sanità l’assessore Gallera ha risposto ad una nostra interrogazione relativa ad alcune procedure disposte dal reparto oncologia del Carlo Poma che, a detta del ministro Lorenzin, erano risultate essere fuori dalle linee guida nazionali ed internazionali. Peccato che l’assessore, nonostante la lunghissima attesa, si sia limitato ad una non-risposta, o meglio, una lunga e inutile cronistoria della vicenda, peraltro già nota a tutti, e che nulla abbia detto rispetto al vero nocciolo della questione: la discrasia tra le conclusioni della Regione stessa e la posizione antitetica espressa dal ministro Lorenzin. Già all’epoca risultava evidente la differenza fra le conclusioni degli audit interni del Poma, di quello regionale,  dell’ispezione ministeriale e le parole del ministro pronunciate in Aula in risposta ad una interrogazione parlamentare del deputato Zolezzi. Altra domanda ancora appesa riguarda la questione del rapporto tra il costo dei farmaci per questo tipo di terapie e il rimborso regionale della prestazione di somministrazione. Oggi, nonostante il percorso svolto dalla regione, pare che la situazione sia rimasta intatta e che lo stesso grande interrogativo sia ancora aperto. A breve dovrei ricevere una risposta scritta da parte dell’assessore e spero davvero sia più chiara ed esaustiva rispetto alla fumosa posizione che ha espresso oggi.

Andrea Fiasconaro – Portavoce Regionale del M5S Lombardia

Articoli Correlati

Liste d’attesa, Mammì: «Il rispetto dei tempi d’attesa non può essere un regalo di Natale»

Redazione Staff

Degli Angeli: «All’ospedale di Lodi mancano garze e medicinali, sono gli effetti della (non)riforma Moratti-Fontana»

Parcheggio a pagamento al policlinico San Donato. Di Marco: “Non si lucra su chi si cura. Regione valuti proposta per sosta gratuita”

Redazione Staff