Marco Degli Angeli Notizie Territorio, trasporti e infrastrutture

Treni, linea Cremona-Treviglio-Milano: basta disagi!

Trenord deve rispettare gli impegni e garantire un servizio efficiente. Servono risultati, impegni certi e verificabili.

Sia a livello locale che regionale il Movimento 5 Stelle ha costantemente denunciato la situazione di estremo disagio dei pendolari e di grave inefficienza e di inadeguatezza del materiale rotabile. Abbiamo sempre auspicato e intuito prima delle istituzioni la necessità di un incontro tra le parti. Il 9 Luglio 2012, il consigliere del cremasco Christian di Feo aveva invitato il Sindaco di Crema a farsi carico di un incontro urgente tra i Sindaci della linea ed i vertici di Trenord. Sono passati inutilmente sei anni e ieri i sindaci dei comuni che serve la linea e i vertici di Trenord si incontrati per discutere di sicurezza e vetustà dei convogli. L’incontro è stato aggiornato a data da destinarsi.

Sui disagi sulla linea Cremona-Treviglio-Milano l’azione del M5S in Consiglio Regionale sarà intransigente.

Trenord deve rispettare gli impegni e garantire un servizio efficiente. Servono risultati, impegni certi e verificabili. Regione Lombardia deve tornare a svolgere la sua funzione di controllo con serietà, puntualità per garantire dignità ai pendolari.

Chiederemo l’azzeramento dei vertici e l’eliminazione dei copiosi bonus elargiti senza controllo e che riempiono le tasche di chi sta amministrando una società che sta offrendo solo disservizi.

In ogni azienda seria un management che non sa trovare soluzioni e definire un piano serio deve andare a casa.

Marco Degli Angeli – Consigliere Regionale del M5S Lombardia

Articoli Correlati

Simone Verni: «Regione Lombardia chiude la porta a 30mila pendolari. Noi subito disponibili a tavolo di confronto»

Carolina Russo De Cerame

Degli Angeli: «All’ospedale di Lodi mancano garze e medicinali, sono gli effetti della (non)riforma Moratti-Fontana»

Caro bollette: «Via addebito bancario, rateizzazione automatica, l’extra costo a carico di chi fa extra profitti. Chi ha svenduto i servizi pubblici ora ci metta la faccia»

Redazione Staff