Gregorio Mammì Notizie Territorio, trasporti e infrastrutture

Biglietterie treni: no alla riduzione dei servizi

Dalle 9.01 alle 17 di oggi, sciopererà il personale di Customer Service Vendita Diretta di Trenitalia Lombardia.

Ci preoccupano particolarmente le problematiche dichiarate dalle organizzazioni sindacali rispetto la carenza di personale che porta alla sistematica chiusura degli sportelli di biglietteria, nonché la carenza di personale nelle biglietterie ad elevata attrazione turistica.
Il personale di Customer Service Vendita Diretta, ossia Biglietterie e assistenza, ha un importanza strategica per lo sviluppo del trasporto sostenibile di tutta la Regione Lombardia e rappresenta un presidio contro l’abbandono delle Stazioni ed un ottimo centro informazioni.

Ci chiediamo dunque se l’assessore Terzi ed i vertici di FNM siano a conoscenza delle problematiche che avranno un impatto rilevante sui livelli di quantità e di qualità dei servizi necessari a soddisfare le esigenze dei migliaia di pendolari Lombardi. Anche sostituire progressivamente la presenza di operatori allo sportello con biglietterie self-service non rappresenta una idonea soluzione soprattutto nella prospettiva di garantire un servizio di supporto a passeggeri con problematiche particolari.

Se i pendolari che utilizzano l’abbonamento appaiono solo parzialmente colpiti da queste riduzioni del servizio, saranno soprattutto i viaggiatori saltuari (non solo anziani) ed in particolare i turisti a doversi confrontare con una maggiore difficoltà ad ottenere informazioni e a fare i biglietti, dovendo districarsi tra macchinette automatiche e bacheche, senza la possibilità di parlare con una persona in carne ed ossa.

L’ennesimo calvario per chi sceglie di usare il mezzo più sicuro, più comodo e più ecologico.

Gregorio Mammì, consigliere regionale M5S Lombardia

Articoli Correlati

Salviamo il Parco Sud, Di Marco: «Ferma opposizione contro il tentativo di scippo del centrodestra»

Carolina Russo De Cerame

Liste d’attesa, Mammì: «Il rispetto dei tempi d’attesa non può essere un regalo di Natale»

Redazione Staff

Simone Verni: «Regione Lombardia chiude la porta a 30mila pendolari. Noi subito disponibili a tavolo di confronto»

Carolina Russo De Cerame