Home Cremona Trenord vieta al portavoce M5S la visita all’impianto di manutenzione di Cremona
Trenord vieta al portavoce M5S la visita all’impianto di manutenzione di Cremona

Trenord vieta al portavoce M5S la visita all’impianto di manutenzione di Cremona

0
3

È un diniego quello con il quale Trenord ha risposto alla richiesta del M5S Lombardia di visitare l’impianto di manutenzione di Cremona avanzata dal Consigliere regionale Marco Degli Angeli. Il portavoce chiedeva di potersi confrontare direttamente con l’azienda sulle “complessità gestionali” di amministrazione e gestione del sito anche alla luce del piano emergenziale avviato dalla società.
A preoccupare il M5S una denuncia a mezzo stampa del segretario regionale Orsa Adriano Coscia che lamenta “persistenti problematiche relative al settore manutenzione” negli impianti lombardi.
Marco Degli Angeli, consigliere regionale del M5S Lombardia, dichiara “Siamo molto sorpresi e dispiaciuti, la nostra richiesta di incontro nasce dalla volontà di verificare e capire insieme a Trenord l’origine delle eventuali difficoltà e collaborare per trovare una soluzione condivisa nell’interesse dei pendolari, dei viaggiatori e dei lavoratori.
A Roma abbiamo dato testimonianza di una rinnovata volontà di sostenere il trasporto pubblico in Lombardia e il dialogo con la società. Grazie al Ministro Toninelli abbiamo messo in esercizio 14 treni, e altri ne arriveranno nel corso dell’anno, per tamponare una situazione di oggettiva difficoltà nell’offerta sul territorio.
Il nuovo corso cominciato a Roma ha portato i suoi frutti con più attenzione e investimenti che avranno ricadute positive per i pendolari, esasperati dopo anni di disservizi.
Allo stesso modo le manutenzioni sono un settore nevralgico: alla loro inadeguatezza si fanno risalire, in parte, i problemi di ritardi e soppressioni che coinvolgono il servizio di trasporto pubblico su ferro in Lombardia.
La rinnovata volontà di condivisione attestata dal Ministero  non può essere a senso unico, e mi auguro che con il tempo arrivi anche dalla società. In Lombardia ci aspettiamo un atteggiamento di maggior apertura al confronto istituzionale. Trasparenza e dialogo possono fare la differenza e con questo spirito mi accingo a chiedere, con un’interrogazione che ho depositato oggi, chiarimenti specifici sul tema delle manutenzioni che costituiscono un tassello fondamentale per il buon funzionamento del trasporto ferroviario”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali