Home Brescia Appalti truccati. Lettera a AMSA e A2A: “stop a gare, esternalizzazioni e riassunzione dei precari”
Appalti truccati. Lettera a AMSA e A2A: “stop a gare, esternalizzazioni e riassunzione dei precari”

Appalti truccati. Lettera a AMSA e A2A: “stop a gare, esternalizzazioni e riassunzione dei precari”

0
2

Milano, 20 maggio 2019 – «La recente inchiesta coordinata dalla Dda di Milano ha fatto emergere un sistema consolidato che andava tutto a svantaggio dei lavoratori precari di AMSA, Società del Gruppo A2A. Ora basta». A dirlo, a commento delle notizie di cronaca su presunti appalti truccati in AMSA, il consigliere regionale del M5S, Dino Alberti che ha inviato una lettera ai vertici di AMSA e A2A per chiedere lo stop alle gare d’appalto, alle esternalizzazioni e la riassunzione dei precari.

«Partiamo dai nomi di spicco dei vertici di AMSA e A2A per i quali è stato disposto l’arresto che, stando alle carte del processo, manifestavano l’intenzione di esternalizzare importanti servizi che erano svolti dal personale interno della società”.

«Tutto ciò – prosegue Alberti – è di una gravità inaudita per tutti i dipendenti e, in particolare, per i precari lasciati a casa in questi anni e spesso illusi con la promessa della stabilizzazione».

«A2A e AMSA dovrebbero ritirare tutti gli appalti in essere, cancellare le gare in corso, bloccare tutte le esternalizzazioni del personale e obbligare la riassunzione a tempo indeterminato di tutti i dipendenti precari lasciati a casa nel corso degli anni».

«Ho appena inviato – conclude il consigliere pentastellato – una lettera ai vertici di AMSA e A2A per chiedere una revisione delle politiche di appalto ed esternalizzazione al fine di garantire l’occupazione interna e al tempo stesso di procedere all’assunzione stabile di tutti i lavoratori precari che per anni hanno prestato servizio per AMSA. L’ho fatto pensando a quelle centinaia di lavoratori che meritano una risposta chiara dall’azienda per cui hanno lavorato o lavorano tuttora, senza avere il giusto riconoscimento che meritavano e meritano.

 

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali