fbpx
Home Andrea Fiasconaro Trenord, scarica barile imbarazante
Trenord, scarica barile imbarazante

Trenord, scarica barile imbarazante

0
0
đź”´ TRENORD: Scaricabarile imbarazzante, servizio al collasso per responsabilitĂ  cento destra.
 
Questa mattina si è tenuta in Regione Lombardia la COMMISSIONE REGIONALE TRASPORTI, nella quale è stato audito Marco Piuri, Amministratore delegato di Trenord sull’organizzazione del servizio ferroviario regionale.
 
Sulla questione i Consiglieri della Commissione Nicola Di Marco, Massimo De Rosa e Simone Verni:
“Trenord ha presentato dati che non rappresentano la condizione dei trasporti lombardi e dei pendolari che vivono ogni giorno di ritardi, soppressioni e condizioni indecenti di trasporto. E di aumenti delle tariffe.
 
Il servizio ferroviario Lombardo è al collasso, con un taglio di circa cento corse nel 2018 a causa principalmente della carenza di personale, per responsabilità diretta del centrodestra che non ha mai voluto investire sul trasporto pubblico.
 
In Commissione abbiamo assistito a un imbarazzante scaricabarile della Lega e Trenord su RFI e Trenitalia. Non esiste uno straccio di analisi sul servizio sostitutivo fornito dagli autobus per far fronte all’emergenza del 2018, nĂ© è stato detto fino a quando sarĂ  attivo il piano emergenziale che ha tagliato treni in tutta la Lombardia.
 
Trenord non può addossare al meteo i suoi gravi disservizi, d’estate fa caldo e d’inverno fa freddo: le temperature torride o rigide non possono bloccare i trasporti nella nostra regione.
L’unica notizia rilevante emersa in audizione è l’arrivo di ulteriori 23 treni di cui dieci nuovi, in supporto ed aiuto alla flotta di Trenord, grazie alla fornitura promossa dall’ex ministro Danilo Toninelli per garantire un minimo di sollievo al trasporto pubblico lombardo. La Lombardia non merita un trasporto da terzo mondo”, concludono i portavoce regionali.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali