Agricoltura, montagna e parchi Consiglio Regionale News Milano Nicola Di Marco Notizie

Parco Agricolo Sud – le modifiche alla legge sono un pasticcio raffazzonato

🔴 PARCO AGRICOLO SUD- LE MODIFICHE ALLA LEGGE SUL PARCO SONO UN PASTICCIO RAFFAZZONATO.

Oggi il centrodestra ha approvato in Consiglio regionale una modifica di legge raffazzonata alla gestione del Parco agricolo Sud.

Il Parco è il più grande della Provincia ed ha un ruolo di primo piano sia nella promozione dell’agricoltura sia nella tutela dell’ambiente. La prassi istituzionale vorrebbe che la riforma di un ente così importante passi attraverso una discussione dedicata nelle Commissioni agricoltura e ambiente, anche tramite il dialogo con l’Ente stesso e le realtà del territorio coinvolte. Ciò però non accade!!

Il consigliere Nicola Di Marco spiega:
“La maggioranza ha saltato la prassi votando oggi degli emendamenti a un testo macedonia che conteneva le materie più disparate. Come se ciò non bastasse, i contenuti della riforma sono discutibili. D’ora in poi Regione potrà nominare un membro del Consiglio direttivo del Parco.

I criteri di nomina sono però vaghi e inconsistenti: Regione potrà infatti scegliere fra non meglio specificati esperti (in quale campo?), amministratori (quali?), personalità di rilievo del territorio: anche un calciatore è una personalità di rilievo!
Sia nei tempi e nei modi sia nella sostanza questa riforma è un pasticcio vergognoso.

Come MoVimento 5 Stelle Lombardia chiediamo che nei prossimi mesi venga aperto un percorso serio di riesame dell’assetto del Parco coinvolgendo l’ente stesso e il territorio. Il Parco merita da Regione serietà ed ascolto, non di essere smontato e rimontato come un giocattolo della maggioranza”.

Articoli Correlati

Riforma Parco Agricolo Sud Milano: firma anche tu per fermare lo scippo del centrodestra lombardo

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame

Di Marco: «Il Superbonus 110% traina la ripresa in Lombardia con 21 mila cantieri e 4 miliardi di investimenti»