Home Comunicati stampa EXPO e Mafia: Movimento 5 Stelle chiede la convocazione di Sala
EXPO e Mafia: Movimento 5 Stelle chiede la convocazione di Sala

EXPO e Mafia: Movimento 5 Stelle chiede la convocazione di Sala

0
0

EXPadrinO 02Il Movimento 5 Stelle ha inviato una  missiva a Gian Antonio Girelli, presidente della Commissione regionale antimafia, per chiedere la convocazione urgente di Giuseppe Sala, Commissario Unico per Expo SpA , senza ulteriori proroghe e disdette come invece già avvenuto nei mesi scorsi, per relazionare sul tema delle infiltrazioni mafiose negli appalti di EXPO.

Il Movimento 5 Stelle chiede anche l’approvazione una risoluzione per impegnare la Giunta ad allontanare dagli appalti legati ad Expo anche quelle aziende coinvolte in indagini fuori Regione Lombardia, come Mantovani SpA e CMC, quantomeno sino alla conclusione delle indagini da parte delle Procure presso le quali esse pendono attualmente, al fine di non esporre la regione Lombardia ad un rischio che è già stato accertato in altre Regioni.

“Le notizie della richiesta del blocco dei cantieri della CMC in tutto il mondo, un’azienda che ha un importante appalto per EXPO, non possono essere ignorate”, spiega Silvana Carcano, consigliere del Movimento 5 Stelle.

“La gestione degli appalti pubblici in Lombardia è svolta con insufficiente attenzione nei confronti dell’infiltrazione della criminalità organizzata negli appalti pubblici e solo un ingenuo può pensare che un’azienda sulla quale sono in corso indagini operante in una Regione, possa agire in perfetta legalità in altra Regione, soprattutto quando coinvolta in grandi opere, come Expo 2015. La Giunta deve allontanare queste aziende. Ed è per questo che abbiamo anche inviato una lettera aperta al dottor Sala, Commissario Unico per Expo, per chiedere che intervenga, allontanando le due società coinvolte in inchieste”.

EXPadrinO 02

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali