Home Notizie Pasticcio di Ambrosoli, e del PD, sulla depenalizzazione del reato di consumo delle droghe leggere
Pasticcio di Ambrosoli, e del PD, sulla depenalizzazione del reato di consumo delle droghe leggere

Pasticcio di Ambrosoli, e del PD, sulla depenalizzazione del reato di consumo delle droghe leggere

0
0

cannabinoidiGran pasticcio del Patto Civico che si è fatto bocciare dal Consiglio regionale una mozione sulla depenalizzazione delle fattispecie di reato sul consumo di droghe leggere. Il PD, di cui Ambrosoli era candidato presidente, si è spaccato e la mozione è stata affossata dalla maggioranza.

“Abbiamo innanzitutto evidenziato quale fosse il senso di trattare una mozione su un tema su cui Regione non ha alcuna competenza, visto che di priorità i cittadini lombardi ne avrebbero molte. Peraltro, abbiamo evidenziato come meglio sarebbe stato discutere il nostro progetto di legge sulla liberalizzazione della cannabis per uso terapeutico, questo si di cui Regione avrebbe avuto diretta competenza. Abbiamo comunque espresso parere favorevole in linea con il progetto di legge depositato in Parlamento dai nostri portavoce. Peccato che nella gestione d’aula su di un atto che ha come prima firmataria Lucia Castellano siano mancati anche i voti del PD, che in parte si è astenuto sulla mozione. Eppure erano giorni che leggevamo sulla stampa di questo importante e “innovativo” atto di Ambrosoli e del suo Patto Civico. Evidentemente il rapporto del l’ex candidato Ambrosoli con il PD scricchiola.” spiega Paola Macchi, portavoce del Movimento 5 Stelle.

“Auspichiamo che l’occasione abbia stimolato la maggioranza a togliere dal cassetto polveroso il nostro progetto di legge che chiede l’adozione e il sostegno ai farmaci con cannabinoidi. Vogliamo proprio vedere se di fronte alla sofferenza dei malati questa maggioranza avrà il coraggio di chiudere gli occhi”, conclude la portavoce.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali