Home Ambiente e Protezione Civile Moto nei boschi? No grazie. Pdl 124 rispedito in Commissione, vittoria M5S.
Moto nei boschi? No grazie. Pdl 124 rispedito in Commissione, vittoria M5S.

Moto nei boschi? No grazie. Pdl 124 rispedito in Commissione, vittoria M5S.

0
10

motoOggi il Consiglio Regionale ha rimandato in Commissione Agricoltura la discussione del progetto di legge 124 presentato dalla Lega Nord, che intendeva legalizzare il passaggio di mezzi motorizzati nei boschi e nei sentieri incentivando il consumo di suolo e il disboscamento selvaggio.  Approfittando di una nuova discussione del progetto di legge, che a questo punto avverrà in Consiglio Regionale dopo le elezioni, forse tra i banchi della maggioranza qualcuno si è accorto delle conseguenze devastanti che questo progetto di legge avrebbe sui boschi del territorio lombardo, avvicinandosi alla posizione del MoVimento 5 Stelle che si è opposto con forza a questo provvedimento fin dal suo primo arrivo in commissione, chiedendone il ritiro. Lega Nord e NCD sostengono che certi aspetti “meritano di essere approfonditi”, ma dopo quattro mesi in commissione è ridicolo chiederne ancora la discussione: è un palese temporeggiamento in attesa che, con le prossime elezioni, i “giochi politici” saranno fatti. Ma in questa legge non c’è nulla da approfondire, va semplicemente ritirata. Inoltre la commissione che dovrebbe revisionare il pdl è la stessa che in questi mesi, con il supporto del consigliere Tomasi del PD, è riuscita a peggiorarlo. Riteniamo che questa sia una vittoria del MoVimento 5 Stelle:  le nostre motivazioni, così come quelle delle tante associazioni sono fondate e precise, e continueremo a farle valere in ogni modo e sede, opponendoci a un progetto di legge che mira a raccogliere i voti di una precisa categoria sacrificando le aree verdi del nostro territorio.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali