Home Expo Rho-Monza. Sulla Milano Meda, forato il metanodotto. M5S ha incontrato il Prefetto
Rho-Monza. Sulla Milano Meda, forato il metanodotto. M5S ha incontrato il Prefetto

Rho-Monza. Sulla Milano Meda, forato il metanodotto. M5S ha incontrato il Prefetto

0
0

RhoMonzaQuesta mattina Silvana Carcano,  consigliera regionale M5S Lombardia ha assistito all’incidente avvenuto a Paderno Dugnano nel corso dei lavori per la realizzazione della famigerata Rho-Monza. Grandi Lavori Fincosit, impresa impegnata nella costruzione della infrastruttura Rho -Monza, durante l’operazione di rilevamento ed eventuale rimozione di ordigni bellici, ha leso la conduttura del gas metano provocando la fuoriuscita di colonne di gas alte fino a 5 metri. Dopo aver avvertito le opportune autorità competenti, vigili urbani, vigili del fuoco si è recata, assieme alla senatrice Laura Bottici, negli uffici della Prefettura di Milano per incontrare il Prefetto Tronca. Ricevute  con urgenza dal Prefetto hanno illustrato le proprie preoccupazioni, tra cui l’apparente mancanza di rispetto delle norme di sicurezza e il possibile legame tra l’opera milanese e gli scandali che hanno coinvolto il Presidente della GLF, Alessandro Mazzi, arrestato nell’inchiesta Mose.

Laura Bottici, senatrice del Movimento 5 Stelle, dichiara: “Il Prefetto ha raccolto con interesse i nostri rilievi. Abbiamo sottolineato la similitudine con il caso Maltauro per le Vie d’acqua chiedendo al Prefetto di valutare il Commissariamento della Grandi Lavori Fincosit. Dopo essere state rassicurate dal Prefetto che se ne prenderà carico hanno lasciato gli uffici con l’accordo di sentirsi nel prossimi giorni per eventuali aggiornamenti”.

Silvana Carcano, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, dichiara: “Siamo preoccupati, c’è troppa fretta di concludere la Rho-Monza,  una delle grandi opere inutili collegate a Expo. L’errore di forare il metanodotto poteva avere conseguenze tragiche ed è figlio della politica delle deroghe. L’azienda appaltante, la Fincosit,  al momento ha il presidente, Alessandro Mazzi, arrestato nell’inchiesta Mose. Abbiamo chiesto immediatamente un incontro con il Prefetto perché siano prese tutte le iniziative utili, fino al commissariamento dell’azienda appaltante, perché i lavori siano svolti professionalmente e senza mettere a repentaglio la sicurezza dei cittadini. Lo abbiamo sostenuto e lo ripetiamo: a Paderno l’ampliamento della Rho Monza non serve. Certo che all’avvio dei lavori si verifichino gravi incidenti come quello di stamattina non può lasciare indifferenti Expo, il Commissario Sala e le istituzioni”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali