Home Milano Garbagnate milanese. l Sindaco Pioli e il rispetto delle regole
0

Garbagnate milanese. l Sindaco Pioli e il rispetto delle regole

0
0

In questi primi due anni di Amministrazione Pioli abbiamo sentito più volte il Sindaco e la sua Giunta battersi per il rispetto delle regole, partendo dalla gestione amministrativa ed il rispetto del patto di stabilità, passando per la gestione del gattile con un nuovo bando per finire con la riassegnazione dei chioschi con il bando fatto ad Aprile.
Tutte cose condivisibili, se non fosse per le modalità in cui sono stati portati avanti certi atti, ad esempio il ritardo con il quale lo stesso bando per i chioschi è stato indetto.
Peccato però che quando sia lo stesso Sindaco a dover rispettare le regole o la maggioranza che lo sostiene i casi sono due: o le regole non si rispettano o le regole si fanno su misura.
Ce ne siamo accorti quando il Sindaco in Commissione, uscendo dalla stanza, ma restando nel corridoio, sì è acceso una sigaretta come se nulla fosse. La stessa cosa è successa più volte durante i Consigli Comunali quando il Sindaco e qualche neo-Consigliere di maggioranza si sono appartati sul piccolo balcone presente in Sala Consigliare per fumare.
Ce ne siamo accorti qualche tempo fa, quando denunciammo il fatto che in occasione delle primarie del PD la Giunta Comunale approvò un regolamento che consenti alle “coalizioni” di utilizzare “gratuitamente” alcune sale comunali per lo svolgimento delle operazioni legate alle primarie, e guarda caso l’unica “coalizione” che ne poté usufruire fu quella guidata dal Partito Democratico. (vedi: http://www.garbagnate5stelle.it/2013/01/04/regolamento-ad-coalizionem/)

Ultimo caso è quello successo in questi ultimi giorni quando la Giunta Comunale ha approvato un regolamento che consente ad Associazioni, Enti o Partiti Politici di noleggiare una serie di attrezzature all’interno del Centro Sportivo per l’organizzazione di feste o eventi. (vedi: http://www.comune.garbagnate-milanese.mi.it/articoli/redazione-stampa/news/11-concessione-area-eventi-per-coesione-sociale-presso-il-centro-sportivo.asp)

Sul sito del Comune il regolamento è stato pubblicato il 3 Giugno scorso, ma sull’Albo Pretorio solo il giorno 10 dello stesso mese.

Ebbene, nonostante nel regolamento si dica che la richiesta della strumentazione e degli spazi debba essere fatta con almeno 15 giorni di anticipo, il Partito Democratico è riuscito ad ottenere lo spazio a partire dal 12 di Giugno, ovvero 9 giorni dopo la Delibera di Giunta e 2 giorni dopo la pubblicazione della stessa sull’albo Pretorio!
Ovviamente c’è la scappatoia prevista nel Regolamento che prevede che le domande presentate dopo i 15 giorni richiesti “potranno essere accolte solo a discrezione dell’Amministrazione”! (e guarda a caso della “discrezione dell’Amministrazione” ne ha usufruito proprio il Partito Democratico)
Peccato che sul profilo Facebook di uno dei “nuovi” Consiglieri Comunale del Partito Democratico la pubblicizzazione della festa presso il Centro Sportivo con tanto di date (dal 12 al 23 Giugno) è partita dal 26 MAGGIO!!!
Peccato anche che nonostante il regolamento stabilisca che “Le manifestazioni si dovranno obbligatoriamente concludere entro le ore 24,00 con conseguente cessazione di ogni emissione sonora.”, lo stesso Consigliere del PD abbia invitato su FaceBook alla proiezione della partita Inghilterra-Italia che aveva inizio proprio alle 24:00 ora Italiana.
Considerando che nel regolamento chi viola tale regola “è escluso da ulteriori concessioni di qualsiasi struttura pubblica”, ci aspettiamo a questo punto che almeno in questo caso non si facciano favoritismi!
Evidentemente c’è qualcuno più importante degli altri che può permettersi di organizzare manifestazioni con un anticipo ed una possibilità di essere confermati che altre Associazioni, Partiti Politici o Gruppi non hanno, ma ci auguriamo almeno che il rispetto delle regole valga per tutti!
Movimento 5 Stelle – Garbagnate Milanese

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali