Home Expo Bilancio regionale, gli ordini del giorno presentati da M5S

Bilancio regionale, gli ordini del giorno presentati da M5S

0
0

Il Movimento 5 Stelle, nel corso della seduta del Consiglio regionale di oggi, ha portato all’attenzione della Regione diversi temi di rilievo con numerosi ordini del giorno. Domani saranno votati.

282 –Stanziamenti a favore di ARPA per effettuare un monitoraggio intorno al complesso Acciaierie Arvedi di Cremona. L’ordine del giorno richiama un’interrogazione discussa in Commissione in cui chiedevamo all’Assessore Terzi di attivare una campagna di monitoraggio sul livello di benzopirene nella zona delle acciaierie Arvedi. L’Assessore ha fatto presente che una campagna è stata effettuata nel 2012 e che una seconda potrebbe essere effettuata nel 2014 ma mancano i finanziamenti. Chiedevamo inoltre l’installazione di una centralina di misurazione del benzopirene ma anche in questo caso, a causa delle ristrettezze nel bilancio, i costi non sono sostenibili. L’ordine del giorno chiede quindi di reperire le risorse necessarie sia per avviare la campagna di monitoraggio sia per installare la centralina di rilevazione. Poiché i fondi sono già stati  predisposti dall’Assessorato, le risorse, non sono essendo enormi, si possono trovare.

283 – Stanziamenti a favore di ARPA per interventi preventivi sui siti e impianti di gestione rifiuti a rischio di inquinamento ambientale. Una legge regionale dispone che in caso di rischio per la salute la regione possa agire d’ufficio per rimuovere le cause che possono creare problemi per ambiente e salute umana. Per questo tipo d’interventi sono stanziate risorse per 1 milione di euro. Con il nostro ordine del giorno chiediamo che siano messe a disposizione di ARPA, che non ha grandi disponibilità finanziare, le risorse necessarie a monitorare la situazione. Servono risorse suppletive per la prevenzione.

290 – Stanziamenti a favore del restauro conservativo del borgo di Castellazzo di Bollata in provincia di Milano. L’ordine del giorno richiede alla Giunta di stanziare i fondi necessari al restauro e al recupero conservativo del borgo di Castellazzo di Bollata, un borgo agricolo costituito da una serie di corti, tipicamente lombardo e unico nel suo genere. Chiediamo che Regione Lombardia valorizzi tale contesto storico e sottoscriva un protocollo d’intesa con tutti gli enti pubblici e privati interessati, tra cui il comune di Bollate,  per garantirne la fruibilità da parte del pubblico tramite percorsi guidati turistici e didattici e attraverso la realizzazione di una fattoria didattica. E’ essenziale che venga mantenuta la vocazione agricola del luogo.

299 – Promozione dell’utilizzo dei sistemi informatici open source. Potenziamento dell’azione della Giunta sul fronte dell’agenda digitale. Nel programma di legislatura si individuano soluzioni per rendere efficiente la macchina burocratica con servizi informatici e digitali e accrescere la trasparenza. E’ un annuncio importante ma al quale va dato seguito. In Europa, e in istituzioni italiane lungimiranti, l’open source è ampiamente adottato e utile a risparmiare risorse pubbliche. L’open source garantisce risparmi economici e guadagni grazie alla possibilità di scambio o uso o riuso di software tra Istituzioni. Con l’ordine del giorno si impegna la Giunta a finanziare iniziative di supporto tecnico finalizzate a garantire la migrazione al software open source.

300 – Iniziative di valorizzazione e sostegno della montagna.

302 – Standard di qualità del trasporto pubblico locale. E’ un ordine del giorno che riguarda il trasporto pubblico locale e l’utenza pendolare. In quest’ultimo anno il trasporto ferroviario ha subito  un netto peggioramento. La situazione del materiale rotabile è insoddisfacente a coprire gli standard di qualità di viaggio che l’utenza chiede. Dei 60 nuovi treni annunciati ne abbiamo visti a malapena due. Non è mai abbastanza ripetere alla Giunta la necessità di investire sul trasporto pubblico e sulla mobilità dolce soprattutto in provincia. In Lombardia circolano ancora treni diesel o monocarrozza e i guasti sono all’ordine del giorno. L’Assessorato ai Trasporti non può rimanere senza fondi e deve investire su materiale rotabile con un serio piano di finanziamento delle linee più degradate.

307 – Sostegno ai cittadini colpiti dall’esondazione del Seveso. Le esondazioni causano costantemente problemi ai cittadini milanesi e della provincia. Chiediamo risorse per sostenere coloro che hanno subito danni.

311 – Promozione e sostegno alla mobilità ciclistica. L’ordine del giorno chiede che le piste ciclabili comunali, che sono numerose, possano essere collegate tra di loro anche in vista di Expo. Il cicloturismo è una risorsa che va promossa. La Regione deve coordinare gli interventi per creare un sistema integrato di mobilità sostenibile che potrebbe essere anche un’eredità positiva lasciata da Expo.

344 – Cava di Via Molinara. E’ un’iniziativa della Commissione antimafia. A Desio c’è una cava tristemente nota come cava della ‘ndrangheta in cui sono stipati circa 180 mila mq di rifiuti abusivi e in parte pericolosi. L’ordine del giorno chiede che Regione Lombardia si faccia carico dei costi di caratterizzazione del sito, e cioè della ricognizione del tipo di rifiuti nella cava che è l’attività propedeutica alla bonifica. La richiesta è stata condivisa da tutte le forze politiche.

353 – Contributi alle famiglie in difficoltà degli studenti che frequentano le  scuole pubbliche statali. Il sostegno al reddito è stato cancellato dalla Giunta. La Regione ha stanziato 30 milioni per le famiglie che mandano i figli alle scuole private paritarie e solo 5 milioni per le famiglie che scelgono le scuole statali. Con l’ordine del giorno chiediamo di finanziare le famiglie che hanno realmente bisogno affinché sia davvero garantito il diritto allo studio e venga ridotta la dispersione scolastica.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali