Dario Violi Expo Legalità e trasparenza Lotta ai privilegi

#Maronidimettiti: “Con rinvio a giudizio dimettersi è un obbligo morale”, parola di Maroni.

“Con il rinvio a giudizio, l’obbligo morale è dimettersi”, parola di Roberto Maroni. Queste sono le parole che Roberto Maroni ha speso nel 2012 per il rinvio a giudizio di Formigoni ed Errani. E ora al posto di Formigoni potrebbe essere lui quel “governatore – ancora dal suo esemplare discorso – che deve avere degli obblighi in più, degli obblighi morali”, quel'”amministratore pubblico che se fosse raggiunto da una prima condanna o da un rinvio a giudizio dovrebbe valutare l’opportunità di rimanere o no”.

Lo scorso luglio infatti il presidente della regione Roberto Maroni ricevette un avviso di garanzia dalla Procura di Busto Arsizio per “induzione indebita a dare o promettere utilità per presunte irregolarità in due contratti di collaborazione a termine su progetti per Expo”.

Un’indagine che, nonostante il governatore definisca una sciocchezza, pare essere il solito caso di classe politica che piazza amici, amanti e parenti nei posti pubblici con stipendi pagati dalle tasse dei cittadini e senza alcuna valutazione di merito.

Ora ci aspettiamo che si comporti esattamente come ha dichiarato, parola per parola. Solo con il Movimento 5 Stelle la Regione Lombardia può ripartire mettendo le persone giuste al posto giusto: chi governa deve essere al di sopra di ogni sospetto!

Dario Violi, capogruppo del Movimento 5 Stelle Lombardia.

Articoli Correlati

‘Ndrangheta, decine di arresti a Como. Erba: «Serve un tavolo di confronto provinciale. La battaglia per la legalità va combattuta ogni giorno»

Carolina Russo De Cerame

Montagna: la risoluzione del centrodestra è un libro dei sogni

ufficiostampa

Commissione d’inchiesta Covid – non è un conclave, alcune sedute siano pubbliche

Redazione Staff