Giampietro Maccabiani Sanità e Politiche Sociali

M5S: Scarcella e Vassallo fuori dalle nomine dei direttori generali delle strutture sanitarie e sociosanitarie lombarde

Entro fine mese la Giunta Maroni dovrà nominare i direttori generali delle nuove strutture sanitarie: in lizza ci sono anche Carmelo Scarcella e Francesco Vassallo.
I due sono ai vertici dell’ASL di Brescia da ormai tanti anni, troppi. Nel corso del loro mandato hanno gravi responsabilità verso i cittadino bresciani.

Come, ad esempio, il continuo “negazionismo” della gravità del caso “Caffaro”, con prese di posizione che sminuiscono la portata dell’inquinamento e gli effetti sulla salute dei bresciani. Lo scorso anno lo studio “Sentieri” li ha smentiti, dimostrando la correlazione fra inquinamento da PCB e diossine e incidenza tumorale nel SIN. La mancata bonifica dell’area è figlia anche degli atteggiamenti irresponsabili dei vertici ASL.
A novembre 2013 alcuni cittadini bresciani hanno depositato in Procura un esposto contro i vertici dell’ASL per inadempienze nei controlli sulle aree attorno all’inceneritore. La città di Brescia è oggi una delle più inquinate al mondo, con dati in peggioramento relativi ad aria, acqua e suolo. In questi anni Scarcella e Vassallo hanno costantemente minimizzato dati ed effetti sulla salute.
Dal giugno scorso sono indagati per abuso di ufficio nell’ambito di una indagine relativa a presunti rimborsi
gonfiati da associazioni di volontariato che si occupavano di trasporto di dializzati.
Lo scandalo del macello Italcarni di Ghedi ha dimostrato come Scarcella e Vassallo non vogliano prendere provvedimenti disciplinari contro loro dipendenti che non svolgono il loro dovere, adducendo pubblicamente inesistenti motivazioni regolamentari e legislative. A causa loro i due veterinari sui quali cui pende una richiesta di rinvio a giudizio continuano a lavorare all’interno dell’ASL di Brescia: qualcuno si fiderebbe di loro? Scarcella e Vassallo sì!
Le prossime nomine regionali sono una occasione per presentare finalmente personalità autorevoli, che mettano al primo posto l’interesse per la salute pubblica e che siano slegate dalla politica
A nostro parere Scarcella e Vassallo non appartengono a questa categoria di persone e li riteniamo inadeguati per i ruoli di dirigenza in ambito sanitario pubblico.

avv. Laura Gamba
Portavoce M5S per il Comune di Brescia
Giampietro Maccabiani
Portavoce M5S in Regione Lombardia
Ferdinando Alberti
Portavoce M5S alla Camera
Claudio Cominardi
Portavoce M5S alla Camera
Giorgio Sorial
Portavoce Capogruppo M5S alla Camera
Vito Crimi
Portavoce M5S al Senato

Articoli Correlati

#SaliAbordo: il M5S Lombardia incontra i territori

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame

In Commissione Sanità le modifiche alla riforma Moratti, Fumagalli: «Correzioni sostanziali, altrimenti il Governo avrebbe impugnato la legge»