Home Comunicati stampa Ospedale Corberi di Limbiate: interrogazione sul trasferimento dei pazienti
Ospedale Corberi di Limbiate: interrogazione sul trasferimento dei pazienti

Ospedale Corberi di Limbiate: interrogazione sul trasferimento dei pazienti

0
1

Domani il M5S Lombardia porterà all’attenzione del Consiglio regionale una interrogazione con risposta immediata a Maroni, in merito alla politica di trasferimenti di malati dal Corberi di Limbiate verso altre strutture.

Per il Movimento 5 Stelle il trasferimento di 20 pazienti con disturbi psichici alla struttura San Francesco di Nova Milanese, adottato dall’ASL di Monza e Brianza (guidata dal dottor Matteo Stocco), lo scorso anno presenterebbe profili di dubbia legittimità.

L’interrogazione chiede al Presidente della Lombardia e Assessore alla Sanità Roberto Maroni di “intervenire, alla luce delle anomalie negli atti deliberativi del trasferimento dello scorso anno. […] affinché sia verificata la piena legittimità delle delibere dell’Asl […] e venga valutata con particolare attenzione l’opportunità di procedere con nuovi trasferimenti”.

Per Gianmarco Corbetta, capogruppo del M5S Lombardia: “Sembrerebbe che la struttura che ha accolto i pazienti, persone fragili affette da patologie psichiatriche gravi, non fosse accreditata al servizio sanitario regionale, inoltre le tempistiche sono molto sospette. Anche le giustificazioni economiche addotte dall’Asl per questo trasferimento ci sembrano molto discutibili. Ci chiediamo, considerato che è previsto un altro trasferimento di 10/20 degenti, se è stata sufficientemente valutata la condizione di fragilità di queste persone. Sono persone che vivono al Corberi da decenni, spesso dall’infanzia e risultano particolarmente suscettibili ai cambi delle loro abitudini di vita quotidiana; un trasferimento di struttura può rappresentare un cambiamento particolarmente traumatico della loro vita abitudinaria. Non sono pacchi postali!”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali