Home Agricoltura, montagna e parchi Antibiotici nel Grana e nel Parmigiano: la magistratura vada a fondo.
Antibiotici nel Grana e nel Parmigiano: la magistratura vada a fondo.

Antibiotici nel Grana e nel Parmigiano: la magistratura vada a fondo.

0
0

“Frode del formaggio, la magistratura deve andare a fondo nell’inchiesta sull’utilizzo di residui antibiotici per lavorare Parmigiano Reggiano e Grana Padano. Non è accettabile che il buon nome e la qualità e la tipicità del Parmigiano Reggiano e del Grana Padano vengano messe in discussione da azioni che sarebbero state compiute anche dall’ex presidente del Consorzio del Parmigiano Reggiano Giuseppe Alai (indagato per abuso d’ufficio) e  aziende e imprenditori reggiani, mantovani e fiorentini che dovrebbero garantirne invece la massima tutela” così l’eurodeputato M5S Andrea Zullo, la parlamentare reggiana M5S Maria Edera Spadoni , insieme ai colleghi di Commissione Agricoltura di Camera e Senato Massimiliano Bernini ed Elena Fattori ed i consiglieri regionali M5S di Emilia Romagna e Lombardia Gian Luca Sassi e Iolanda Nanni commentano l’inchiesta partita dalla Procura di Reggio Emilia che vede indagate 27 persone. “Per garantire la reale qualità del Parmigiano Reggiano così come del Grana Padano è poi necessario che vengano elevati gli standard qualitativi – concludono eurodeputati, parlamentari e consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle – come richiedono anche diverse associazioni ambientaliste da anni come Greenpeace, va modificato il disciplinare per evitare i mangimi OGM nell’alimentazione delle vacche da parmigiano reggiano (ora solo il “vacche rosse” e OGM FREE) e grana padano”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali