Dario Violi Notizie Sanità e Politiche Sociali

Sì ai vaccini, no alla coercizione

Il M5S ha espresso voto contrario al provvedimento sull’obbligatorietà dei vaccini per i bambini che si iscrivono all’asilo discussa e approvata oggi dal Consiglio regionale. Non siamo stati, non siamo e non saremo mai contrari alle vaccinazioni né abbiamo mai contestato la loro utilità. Siamo contrari alla coercizione dei cittadini: i genitori devono essere informati e convinti alla vaccinazione dei figli come scelta consapevole e non, come vorrebbe la Regione Lombardia, costretti a vaccinare i loro figli. Questa mozione non farà altro che aumentare la confusione su di un tema delicatissimo. I numeri delle vaccinazioni in Lombardia parlano molto chiaramente e la copertura è ampiamente al di sopra delle soglie di sicurezza: non serve escludere i bambini dagli asili per convincere i genitori a vaccinarli. Per di più una Regione non può rendere obbligatorio ciò che non lo è per la Legge nazionale e nemmeno discriminare i bambini nell’ambito dell’educazione pubblica sulla base di scelte dei loro genitori. Si rischiano frizioni assurde tra genitori con figli vaccinati e no. Lo ribadiamo: su questo tema non sono gli obblighi, le sanzioni o le imposizioni a fare la differenza ma una chiara e capillare informazione, che è proprio quella non esiste oggi in Lombardia.

Dario Violi – Portavoce Regionale del M5S Lombardia

Articoli Correlati

Degli Angeli: «All’ospedale di Lodi mancano garze e medicinali, sono gli effetti della (non)riforma Moratti-Fontana»

Regionali: Non sorprendono i sogni di Azione su Moratti, il PD chiarisca se sta coi progressisti o con il surrogato del centrodestra

Parcheggio a pagamento al policlinico San Donato. Di Marco: “Non si lucra su chi si cura. Regione valuti proposta per sosta gratuita”

Redazione Staff