HOME PAGE Notizie

La #LombardiaDaVicino. Segnalaci le esigenze del tuo territorio.

Le tue segnalazioni per il territorio sui temi di competenza regionale diventano priorità nella Lombardia a 5 Stelle. La legislatura lombarda si avvia al termine, ma c’è ancora molto lavoro da fare. In questi anni abbiamo cercato di sviluppare i grandi temi di competenza regionale ma senza perdere d’occhio le situazioni particolari dei territori.

Ora è ancora più importante avere un quadro preciso delle esigenze di ciascun comune ed è solo tramite voi cittadini, attivisti e portavoce nei comuni che le vivete ogni giorno e raccogliete le richieste dei cittadini che possiamo pianificare interventi efficaci.

Alcune situazioni le conosciamo bene e ci siamo già battuti con voi per cercare di risolverle, ma è bene che ce le ricordiate. Altre sono più recenti, o non hanno ancora trovato una soluzione: vi chiediamo di segnalarcele tutte, insieme alle informazioni che avete già raccolto sulle varie problematiche.

L’accanimento della giunta Maroni nel finanziare le grandi opere deve finire. La nostra priorità devono essere i piccoli interventi nei nostri comuni, problematiche e situazioni difficili con cui la cittadinanza si scontra ogni giorno.

Per questo chiediamo la vostra collaborazione. Inviateci al più presto le vostre istanze, che verranno raccolte dai consiglieri regionali per il territorio di riferimento. Potete mandare le
vostre segnalazioni all’indirizzo email condivisione.m5slombardia@gmail.com entro e non oltre il 12 novembre, per darci il tempo di elaborarle, avendo cura di indicare il
comune oggetto della richiesta, e i vostri dati di contatto.

Guardiamo insieme la #LombardiaDaVicino

I portavoce del M5S Lombardia

Articoli Correlati

Proposte M5S: Spegniamo il caro bollette

Redazione Staff

Flash mob per la pace: la pace è un’urgenza di cui ogni cittadino può essere messaggero

Redazione Staff

Caro bollette: «Via addebito bancario, rateizzazione automatica, l’extra costo a carico di chi fa extra profitti. Chi ha svenduto i servizi pubblici ora ci metta la faccia»

Redazione Staff