fbpx
Home Gregorio Mammì Garattini, seguire il suo esempio con investimenti nella ricerca
Garattini, seguire il suo esempio con investimenti nella ricerca

Garattini, seguire il suo esempio con investimenti nella ricerca

0
3

Oggi in Consiglio Regionale premia il professor Silvio Garattini in occasione dei suoi 90 anni, assegnandogli una benemerenza per i meriti medico-scientifici riconosciuti a livello internazionale e l’impegno instancabile nello sviluppo della ricerca farmacologica.

Dobbiamo fare di più per la ricerca scientifica. Regione Lombardia investe per la formazione accademica e lavorativa dei ricercatori per poi vederli abbandonare la professione per realtà più stabili all’estero. Così facendo è più di un decennio che perdiamo conoscenze e competenze nel momento in cui queste professionalità sono mature per ridare un ritorno economico al sistema sanitario stesso. Nuove pratiche sanitarie derivate dall’innovazione possono far migliorare il sistema in termini di costo-beneficio, che van ben al di là dell’investimento sui singoli ricercatori, con risparmi sensibili sui bilanci regionali con un aumento dell’attrattività e visibilità degli enti sanitari. In sintesi, La ricerca in sanità non è una spesa pura ma un vero investimento

Come ricordato dal professor Garattini – l’Italia si posiziona sotto la media dell’Unione europea, e fra le cause c’è sicuramente una carenza di investimenti. A fronte di una media europea di spesa in ricerca e sviluppo del 2,03% del prodotto interno lordo, l’Italia investe solo l’1,29%, decisamente poco, se si considera inoltre che l’obiettivo per il 2020 è fissato al 3%-.
Nonostante questi dati poco felici, la nostra regione ha la fortuna di ospitare alcuni centri di avanguardia in ambito medico e di ricerca come l’Istituto dei Tumori, lo IEO, il Besta l’istituto farmacologico Mario Negri, ed altri centri d’eccellenza.

Dei 3000 lavoratori atipici degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) sul territorio nazionale, 1500 lavorano nei 4 IRCCS Lombardi, Si tratta di biologi, ingegneri, medici, psicologi e altre alte professionalità, tutti con contratti di collaborazione, borse di studio o partita iva per anche più di 15 anni.
Regione Lombardia deve diventare un esempio virtuoso, ed investire nel personale della Ricerca, solo così potremo realmente trasmettere alle future generazioni il messaggio che il professor Garattini ha rappresentato oggi in aula.

Gregorio Mammì – Consigliere Regionale del M5S

Fonte foto: ilGiornale.it

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali